RUFUS WAINWRIGHT
All Days Are Night: Songs For Lulu

[ Polydor - 2010 ]
7
 
Genere: songwriting
 
30 Aprile 2010
 

Ripercorrendo il percorso musicale di Rufus Wainwright, a questo giro era lecito aspettarsi un carrozzone ancora più ricco di particolari, colori sgargianti, alambicchi e barocchismi estremi. Personalmente ero portato a pensare che, ascoltandolo, si sarebbero materializzati i fuochi d’artificio nella mia stanza. Invece il nuovo disco è in assoluto quello più essenziale: solo voce e pianoforte. Una bella sfida che poteva essere vinta a mani basse dal Nostro, ma così non è. Sgomberiamo il campo dagli indugi, chiarendo che siamo al cospetto di un bel disco, denso a dispetto della forma, grazie ad una voce che riesce a farsi carico dei vuoti strutturali, riempiendo gli spazi con una massiccia dose di pathos. Anche gli intenti intellettuali sono ambiziosi, con il richiamo ai sonetti di Shakespere (ne sono presenti 3 in scaletta, il 43, il 20 e il 10) e il riferimento ad un episodio drammaticamente triste nella vita di Rufus: la perdita della madre.

Nonostante questo, una certa ripetitività di fondo ed una modulazione tanto intensa quanto poco incline alla varietà, rendono i quarantotto minuti del disco difficilmente digeribili tutti d’un fiato. Certo, i seguaci più integralisti del Nostro, saranno ben disposti a spendere le proprie giornte tuffandosi in queste atmosfere classiche ed eleganti, solenni e delicate allo stesso tempo gli altri, pur apprezzando, potrebbero avere qualche difficoltà ad arrivare in fondo al percorso. Ci vuole classe per concepire un disco così e lui ne ha a sufficienza; probabilmente gli gioverebbe un dosaggio più oculato della propria arte. Rufus Wainwright è fatto così, un artista a suo modo assoluto, prendere o lasciare. Noi prendiamo con parsimonia per non appesantirci troppo le tasche.

Credit Foto: Rufus Wainwright at Met Opera.jpg: Rubensteinderivative work: Tabercil / CC BY

Tracklist
1. Who Are You New York?
2. Sad With What I Have
3. Martha
4. Give Me What I Want and Give It to Me Now!
5. True Loves 06 Sonnet 43
7. Sonnet 20
8. Sonnet 10
9. The Dream
10. What Would I Ever Do With a Rose?
11. Les Feux D’Artifice T’Appellent
12. Zebulon
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...