JAKOB DYLAN
Women + Country

 
Tags: ,
 
2 Giugno 2010
 

Il secondo album solista di Jakob Dylan segue di un paio d’anni la pubblicazione di quel “Seeing Things” che seppur così minimalista (per non dire ‘leggermente monocorde’) tanto mi aveva emozionato in un periodo in cui una chitarra acustica e una voce interessante e sofferente era quello di cui avevano bisogno le mie orecchie. Su quel disco c’erano, su tutte, due gemme intitolate “Will It Grow” e “Up On The Mountain” che avevano colpito positivamente anche quel pacifico faccino di Elvis Costello (stupenda la versione dei due di quest’ultima, reperibile anche su Youtube).

“Women + Country” è sicuramente più vario di “Seeing Things”, porta con se più “colori” e si passa dal blues alle sonorità tipicamente country, a colpi di banjo, armonica, pedal steel e slide guitar. Jakob Dylan ha ormai quarant’anni, ma ha pensato bene di chiamare per questo episodio musicale chi di anni ne ha meno di lui ma ha già un nome ben scolpito nel panorama musicale. Neko Case e Kelly Hogan a ‘riempire’ un sound già interessante con i loro backing vocals. La cosa è un’aggiunta piacevole e su tracce come “We Don’t Live Here Anymore” o “Everybody’s Hurting” la scelta si rivela azzeccata.

L’album non è sicuramente una pietra preziosa da custodire gelosamente e per chi negli anni ha ascoltato tonnellate di dischi americana, country e folk questa produzione non sarà niente di particolarmente sorprendente. È anche vero che Dylan, pur essendo figlio di una delle figure (non solo musicali) più importanti della storia recente, non chiede niente a nessuno. Non pretende di scrivere la nuova “Like a Rolling Stone” e non si è mai vantato di avere un certo Robert Zimmerman come padre. Testa bassa, umiltà e canzoni oneste che non suoneranno originali ma sicuramente sentite e ben prodotte (da T-Bone Burnett). In barba a tutto quello di brutto che si legge in giro riguardo questo disco, per noi è buona anche la seconda prova.

Cover Album

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
Women + Country
[ Sony – 2010 ]
Similar Artist: Eric Clapton, Bruce Springsteen, Tom Petty, Simon & Garfunkel, Johnny Cash
Rating:
1. Nothing But The Whole Wide World
2. Down On Our Own Shield
3. Lend A Hand
4. We Don’t Live Here Anymore
5. Everybody’s Hurting
6. Yonder Come The Blues
7. Holy Rollers For Love
8. Truth For A Truth
9. They’ve Trapped Us Boys
10. Smile When You Call Me That
11. Standing Eight Count

JAKOB DYLAN su IndieForBunnies:

Tracklist
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...