ZERO IN ON
Silly Lilly

 
 
2 giugno 2010
 

Gli Zero In On provengono da qua vicino, anche se il loro sound non è accostabile a nessuno di quelli dell’Europa mediterranea più celebre. Dalla Svizzera con furore, a proporre un indie rock dai risvolti melodici ma che in più di un episodio si allontana dai classici stereotipi (fortunatamente…) per risultare, quantomeno, una band che tenta di dare un approccio personale all’abusatissima ed antipaticissima etichetta.

Con due album più che discreti alle spalle, arrivano al terzo sforzo con una certa consapevolezza di ciò che stanno facendo. E si sente eccome. Acclamati nelle riviste e nei blog del settore anche fuori dalla piccola nazione dei quattro cantoni, sfornano undici brani di grande presa, evidenziando una varietà che in questo genere gli dovrebbero invidiare da tutto il globo. Il disco si apre con la title-track, un potentissimo e stiracchiato brano in puro stile alternative/indie come le chart hanno dimostrato di apprezzare nell’ultimo decennio (soprattutto se sei inglese). Niente di particolare, ma un pezzo godibile e con dei riff di chitarra molto potenti. I toni diventano più British, ma meno ‘banali’ nelle più malinconiche “Los Angeles is Burning” (Pete Doherty docet, qui) e “Cherry Blossom”, entrambe molto ben riuscite. “Monday Funday” ricorda, musicalmente, gli ultimi Placebo, con l’unico elemento a differenziarsi da ritrovare nelle linee vocali dell’ottimo frontman, che spazia in vari registri senza mai apparire fuori luogo. Ed ecco una “Welcome To The Moon”, molto vicina agli episodi più potenti dei primi Muse, anche questa lontana dall’assomigliare “troppo” alla band citata solo per il diversificarsi della voce. Comunque un pezzo di grande presa, grazie anche ad alcuni riff difficili da scordare.

Interessante la lenta e tirata “Boom Boom Baby” che, prima di esplodere, accumula una tensione insuperata nel resto del disco, un brano che ricorderà, anche questo, i Babyshambles più potenti (e molte delle band simili), pur rimanendo un episodio personalizzato dalle virtù tecniche e dalle scelte dei suoni di questi ragazzi di Locarno, tutti espedienti di notevole efficacia. I toni sono più dark rispetto ai primi brani e lo conferma la prima sezione di “Sergeant Dylan Sand”, che però si converte poi in una tirata folk di tutto rispetto. A concludere l’album le due ballads dall’anima pop “Coloured Wall” e “Words” che, voce esclusa, ricorderanno ai più i primi fenomenali dischi degli Oasis, quando ancora erano una band che non aveva iniziato a perdere i pezzi lungo i sentieri delle interviste di NME.

In sostanza questa band elvetica sforna una perla di indie rock per nulla originale, ma interessante se letto come un collage di elementi già sfruttati ed esauriti da molte delle realtà più popolari degli ultimi anni, in quanto legati da questi Zero In On, abili anche dietro i loro strumenti, con un’approccio unico, personale, dettato solo dalla loro spiazzante capacità di mettere in gioco elementi già sentiti ovunque con caparbietà e una versatilità invidiabile. Un disco, tutto sommato, più che godibile.

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Silly Lilly
[ self-released – 2010 ]
Similar Artist: Babyshambles, Muse, Placebo, Oasis, Franz Ferdinand
Rating:
1. Silly Lilly
2. Los Angeles Is Burning
3. Cherry Blossom
4. Monday Funday
5. Welcome To The Moon
6. My Black Guitar
7. Boom Boom Baby
8. Sergeant Dylan Sand
9. Sergeant Dylan Sand
10. Coloured Wall
11. Words
Tracklist
 
 

Giardini di Mirò – Different ...

Tornano a farsi sentire anche i Giardini di Mirò, “Different Times” arriva dopo ben 4 anni da “Rapsodia Satanica” ...

Ed Harcourt – Beyond The End

Ci si potrebbe interrogare a lungo sul perché un musicista di talento come Ed Harcourt non abbia ancora ottenuto il successo che merita ...

Massimo Zamboni – Sonata A ...

Berlino è una città particolare: musicalmente incastonata tra rock, pop, elettronica, industrial; culturalmente nascosta, che si fa ...

Magic Potion – Endless ...

Dobbiamo ammettere che la PNKSLM Recordings, indie-label di stanza a Stoccolma e a Londra, ci ha dato parecchie soddisfazioni nel corso ...

Art Brut – Wham! Bang! Pow! ...

Ci sono voluti sette lunghi anni per ascoltare un nuovo lavoro degli Art Brut ma finalmente tornano con “Wham! Bang! Pow! Let’s ...