THRUSHES
Night Falls

 
Tags:
 
16 giugno 2010
 

Buon disco, suonato da una buona band per un genere che non ha davvero più niente da dire. Nel 2007 ci occupammo di “Sun Come Undone”, debutto dei Thrushes, band di Baltimora e allora il genere shoeagazer stava vivendo una nuova stagione dorata, grazie a band nostalgiche che però avevano portato alla luce belle canzoni. Su tutti i Pains Of Being Pure At Heart, i Ringo Deathstarr e prima di loro i Radio Dept.

“Night Falls” non si muove di un millimetro dalle ‘regole musicali’ del genere portato alla ribalta da band come Pixies, Jesus And Mary Chain e My Bloody Valentine e chi nelle scorse decadi ha fatto indigestione di distorsioni e sound fumoso, avvolgente, voci sussurrate in contrasto con i feedback e varie ‘sporcature sonore’ qui non troverà pane per i suoi denti. Tra i nomi citati dalla band come ‘fonte d’ispirazione’ troviamo gli Smiths, i Pulp, i Galaxie 500, e i Belle And Sebastian. Tutto vero, perché c’è parecchia melodia in “Night Falls”, ma dall’inizio alla fine sembra di ascoltare un’unica traccia.

La band suona bene e ha un’identità ben definita, un sound riconoscibile e il timbro vocale di Anna Conner è perfetto per il genere proposto. In tour con Glasvegas, Raveonettes e Shearwater questa band si sta guadagnando a colpi di piccoli concerti un piccolo nucleo di persone affezionate alle loro canzoni. Io vi dico che l’album merita ma che sicuramente non porterà alle vostre orecchie niente di particolarmente entusiasmante. È bene comunque dare un ascolto anche solo per conoscere un nome nuovo.

Night Falls
[ Morphius - 2010 ]
Similar Artist: The Pains Of Being Pure at Heart, Frank Black, Ringo Deathstarr
Rating:
1. Trees
2. Crystals
3. Used To You
4. As Much To Lose
5. Night Falls
6. Juggernaut
7. Skywave
08. Love Song
09. Tattoo
10. Weather Vane

THRUSHES su IndieForBunnies:

Tracklist
 
  • Dustman

    ma lo shoegaze è stato portato alla ribalta dai Pixies??? :/

  • giov

    i Pixies andavano nella seconda parte della recensione assieme a Smiths, Pulp eccetera.
    Errore mio.

 

Clap Your Hands Say Yeah – ...

Dodici anni di carriera sono tanti per qualunque band. Parlando di Alec Ounsworth e dei…

Dutch Uncles – Big Balloon

Paladini dell’art-pop, i mancuniani Dutch Uncles tornano a due anni da “O’ Shudder” e lo…

Jens Lekman – Life Will See ...

Questo album parla di quelle persone che sono sedute in una sala d’aspetto, in attesa…

Strand Of Oaks – Hard Love

Avevamo lasciato Tim Showalter (ideatore del progetto Strand Of Oaks) alle prese con le confessioni…

Lawrence English – Cruel ...

Tra disci prodotti, progetti di sound designer, installazioni artistiche, e varie collaborazioni collaterali con altri…