THE DIVINE COMEDY
Bang Goes The Knighthood

 
Tags:
 
21 Giugno 2010
 

Ho sempre immaginato Neil Hannon scrivere le proprie canzoni in una di quelle villette in legno in stile vittoriano, col giardino avanti e una serie infinita di oggetti dentro. I The Divine Comedy sono una delle creature più british del panorama musicale degli ultimi vent’anni, capaci di riprendere il linguaggio del pop perfetto e costruirci un carosello di immagini e richiami eleganti ad epoche lontane. Le loro canzoni sono una collezione di oggetti che ci ricordano una storia vissuta e, ad ogni cosa conservata in quella casa immaginaria, corrisponde una storia da raccontare in melodia.

“Bang Goes The Knigthood” non cambia di molto il percorso artistico del dandy nordirlandese, ricamando affascinanti arazzi pop dai colori sgargianti, impreziositi dalle consuete orchestrazioni, che discretamente avvolgono le canzoni di una eleganza che non svilisce il proprio slancio in una eccessiva solennità. La sclaetta è zuppa di melodie, talvolta nascoste in una trama più tortuosa (“Down The Street Below”), altre volte da mandare a memoria e cantare fino allo sfinimento per cercare di dare un tono primaverile alle giornate più tristi; in tal senso “At The Indie Disco” è la canzone più contagiosa che abbia incrociato in questo mesto 2010. Un ritorno nel consueto stile del Nostro, che a questo giro evidenzia anche una certa parsimonia nella sovrastratificazione degli arrangiamenti.

E’ un piacere restare imbrigliati nelle maglie di un disco dal sapore classico e dal retrogusto moderno, capace di racchiudere storie di ordinaria quotidianità in eleganti acquarelli di pop sofisticato. Ma le sorprese sono sempre dietro l’angolo; mai avrei immaginato di trovare una canzone che parla di una ragazza napoletana in un disco così profondamente inglese. Neil Hannon è tornato e i suoi The Divine Comedy sono pronti a raccontarci quelle piccole-grandi storie di ordinaria eleganza british. Preparate la vostra miscela di tè preferita e godetevelo con calma dalla prima all’ultima nota.

Cover Album

Bang Goes The Knighthood
[ Divine Comedy – 2010 ]
Similar Artist: Pulp, Suede, Gorky’s Zygotic Mynci
Rating:
1. Down in the Street Below
2. The Complete Banker
3. Neapolitan Girl
4. Bang Goes the Knighthood
5. At the Indie Disco
6. Have You Ever Been in Love
7. Assume the Perpendicular
8. The Lost Art of Conversation
9. Island Life
10. When a Man Cries
11. Can You Stand Upon One Leg
12. I Like
Tracklist
 
 

The Wytches – Three Mile ...

Dopo ben quattro anni dal loro sophomore “All Your Happy Life”, i Wytches sono ritornati con un nuovo LP, il primo realizzato per la ...

Tunng – Tunng Presents… Dead ...

I Tunng tornano dopo due anni da “Songs You Make at Night”, con un album completamente incentrato sulla morte, un lavoro che non nasce ...

Flavio Ferri – Testimone di ...

Flavio Ferri, noto soprattutto per essere stato parte integrante e saliente della fulgida esperienza targata Delta V, sembra stia vivendo ...

Deadburger Factory – La ...

Nel nome d’un uomo che non s’arrende, è così che inizia il nuovo concept album dei Deadburger Factory, nel nome di qualcosa ...

Sky Of Birds – Matte Eyes / ...

Gli Sky Of Birds danno voce a trame sonore più crude, sofferte e nevrotiche, rispetto al recente passato. “Matte Eyes / Matte ...