banner

Orphan Boy – Passion, Pain & Loyalty

13 luglio 2010

TAGS:

Orphan boy are pissed off.
They make no apologies about that.

Così recita il primo rigo della cartella stampa che accompagna il secondo album degli Orphan Boy, band di Cleethorpes con base a Manchester. Rob Cross, il cantante del trio si ritiene pessimista, negativo e incazzato col mondo per come nessuno si sia accorto della sua band al momento del disco di debutto. E, ascoltando questo “Passion, Pain & Loyalty”, ne ha tutte le ragioni. Il disco taglia l’aria in maniera veloce e risulta la cosa migliore proveniente dal Regno Unito che ho avuto il piacere di ascoltare durante questo mese.

Di riferimenti ce ne sono a pacchi ma la cosa che mi viene da dire ascoltando questa produzione licenziata dalla Concrete Recordings è che il tutto suona come se gli Smiths fossero stati messi una specie di frullatore a doppia velocità. Musica pop fatta come si deve, una voce melodica e dolce e canzoni facili facili da ricordare ma con qualche boost sonoro in più ‘targato Manchester’. Dentro c’è tutta una malinconia, un riverbero e un attaccamento alla realtà ‘per come è, e non per come dovrebbe essere’ molto dark e affascinante. Giri di basso costanti e ripetitivi, loop che rimandano a qualche idea dei Longcut (di cui abbiamo scritto tempo fa) e le classiche atmosfere da casino al pub sotto casa e quell’accento (sonoro e vocale) così marcato che si ritrova in tutti i vari Libertines, We Are Scientists o Courteeners o… . Insomma avete capito che se vi piace il rock inglese farvi scappare questa segnalazione sarebbe un peccato. Basterebbe ascoltare per intero “The Promise”, traccia contenente tutto quello che attualmente sono gli Orphan Boy.

Questo è il disco che più di tutti recentemente mi ha fatto tornare in mente mesi e mesi passati sotto la pioggia inglese. Tra tanti, tantissimi, gruppi che suonano tutti come una copia della copia della copia dei vari capisaldi degli anni novanta gli Orphan Boy mettono nella musica una sana dose di rabbia e idee catchy che valgono assolutamente il prezzo del disco. Credetemi.
Segnalazione MySpace della settimana senza dubbio.

Passion, Pain & Loyalty
[ Concrete - 2010 ]
Similar Artist: Maximo Park, Blur, The Bluetones, The Longcut
Rating:
1. Letter For Annie
2. Popsong
3. Harbour Lights
4. Remember
5. Some Frontier
6. 1989
7. Anderson Shelter Blues
8. The Promise
9. Untitled #9
10. 180 Song

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Nikki Nack

TUNE-YARDS
Nikki Nack

Fresco, allegro e frizzante giusta colonna sonora da ombrellone in questa estate che stenta…

Las Vegas Nel Bosco

ARTEMOLTOBUFFA
Las Vegas Nel Bosco

Non avevo mai ascoltato i lavori precedenti degli Artemoltobuffa, per questo il mio approccio a  ”Las Vegas nel…

Futurology

MANIC STREET PREACHERS
Futurology

Ventidue anni di carriera, dodici dischi studio. Bottino niente male. Dischi di solito scomodi,…

Sunbathing Animal

PARQUET COURTS
Sunbathing Animal

Senza dubbio il terzo disco dei newyorchesi Parquet Courts porta con sé una buona…

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…