banner

Orphan Boy – Passion, Pain & Loyalty

13 luglio 2010

TAGS:

Orphan boy are pissed off.
They make no apologies about that.

Così recita il primo rigo della cartella stampa che accompagna il secondo album degli Orphan Boy, band di Cleethorpes con base a Manchester. Rob Cross, il cantante del trio si ritiene pessimista, negativo e incazzato col mondo per come nessuno si sia accorto della sua band al momento del disco di debutto. E, ascoltando questo “Passion, Pain & Loyalty”, ne ha tutte le ragioni. Il disco taglia l’aria in maniera veloce e risulta la cosa migliore proveniente dal Regno Unito che ho avuto il piacere di ascoltare durante questo mese.

Di riferimenti ce ne sono a pacchi ma la cosa che mi viene da dire ascoltando questa produzione licenziata dalla Concrete Recordings è che il tutto suona come se gli Smiths fossero stati messi una specie di frullatore a doppia velocità. Musica pop fatta come si deve, una voce melodica e dolce e canzoni facili facili da ricordare ma con qualche boost sonoro in più ‘targato Manchester’. Dentro c’è tutta una malinconia, un riverbero e un attaccamento alla realtà ‘per come è, e non per come dovrebbe essere’ molto dark e affascinante. Giri di basso costanti e ripetitivi, loop che rimandano a qualche idea dei Longcut (di cui abbiamo scritto tempo fa) e le classiche atmosfere da casino al pub sotto casa e quell’accento (sonoro e vocale) così marcato che si ritrova in tutti i vari Libertines, We Are Scientists o Courteeners o… . Insomma avete capito che se vi piace il rock inglese farvi scappare questa segnalazione sarebbe un peccato. Basterebbe ascoltare per intero “The Promise”, traccia contenente tutto quello che attualmente sono gli Orphan Boy.

Questo è il disco che più di tutti recentemente mi ha fatto tornare in mente mesi e mesi passati sotto la pioggia inglese. Tra tanti, tantissimi, gruppi che suonano tutti come una copia della copia della copia dei vari capisaldi degli anni novanta gli Orphan Boy mettono nella musica una sana dose di rabbia e idee catchy che valgono assolutamente il prezzo del disco. Credetemi.
Segnalazione MySpace della settimana senza dubbio.

Passion, Pain & Loyalty
[ Concrete - 2010 ]
Similar Artist: Maximo Park, Blur, The Bluetones, The Longcut
Rating:
1. Letter For Annie
2. Popsong
3. Harbour Lights
4. Remember
5. Some Frontier
6. 1989
7. Anderson Shelter Blues
8. The Promise
9. Untitled #9
10. 180 Song

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…