WOVENHAND
The Threshingfloor

 
Tags: ,
 
21 Luglio 2010
 

David Eugene Edwards ha la stoffa di un antico cantore, di un predicatore del deserto. La sua voce declama le bellezze del creato, descrive la sofferenza attraverso il sacrificio e la preghiera, si spinge alla disperata ricerca della redenzione attraverso il martirio. Già dalle prime note, che sembrano fuoriuscire dal nulla, da una dimensione spazio – temporale dimenticata o da un’anfora antica, si percepisce l’afflato dell’anima, dello spirito che si muove inquieto tra le pareti oscure e demoniache della tentazione, alla strenua ricerca della consolazione divina di un creatore che non c’è più o che è troppo lontano per udire le grida disperate dei suoi caduchi figli mortali.

L’afflizione, i patimenti dell’anima, infine la catarsi e la redenzione sono esplicati attraverso uno spettro sonoro amplissimo: si passa dalla Macedonia (“Terre Haute”) al Medioriente (“The Treshingfloor”), sino all’antica America dei nativi pellerossa (“Raise Her Hands”) con un’epicità vicinissima agli Shiva Burlesque (“Orchard Gate”) o agli immensi Joy Division (“Truth”), ma con un piglio interpretativo che ascrive Edwards alle vette più alte dell’Olimpo dei grandissimi cantori della tradizione folk americana, una tradizione plasmata ad arte e riconsegnata intatta in tutta la sua magnificenza attraverso le confessioni a cuore aperto di “A Holy Measure” o “His Rest”.

“The Treshingfloor” è un disco sospeso, pastorale e magnetico, che disvela tutta la sua sconcertante bellezza in punta di piedi, tra corde acustiche, violoncelli, Oud greci, saz turchi e flauti ungheresi, riconducendo tutto ai primordi, ad un’idea ancestrale di purezza, di poesia, di innocenza, che il genere umano sembra aver totalmente dimenticato. La migliore opera musicale a nome Wovenhand, senza ombra di dubbio, di una magniloquenza sconcertante, da restarne scossi ed attoniti a lungo, almeno sino al prossimo ritorno del vecchio menestrello Edwards.

Cover Album

The Threshingfloor
[ Glitterhouse – 2010 ]
Similar Artist: Nick Cave, Bob Dylan, Violent Femmes, Joy Division, Shiva Burlesque, Echo and the Bunnymen
Rating:
1. Sinking Hands
2. The Threshing Floor
3. A Holy Measure
4. Raise Her Hands
5. His Rest
6. Singing Grass
7. Behind Your Breath
8. Truth
9. Terre Haute
10. Orchard Gate
11. Wheatstraw
12. Denver City
Tracklist
 
 

Alice Boman – Dream On

E’ già da qualche anno che il nome di Alice Boman è sui radar dei principali siti musicali in giro per l’Europa e non solo, ma la ...

Brunori Sas – Cip

Il cantautore calabrese, uno dei più apprezzati del panorama musicale italiano, sembra aver già conquistato tutti, pubblico e critica, con ...

Pinegrove – Marigold

I Pinegrove sono tornati con il loro quarto album – il loro primo per Rough Trade Records – che arriva a distanza di appena un anno ...

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...