banner

INDICA
A Way Away

2 agosto 2010

TAGS:

Un gruppo di sole donne in Finlandia? Miseria. Era già successo con le Tiktak, le sei ’scolarette’ arrivate al successo per un breve periodo prima dello scioglimento annunciato a fine duemilasette, ma queste Indica saranno in grado di mantenere alto il livello delle aspettative (se esistono)?

Nel mainstream già dal 2004, soprattutto in Scandinavia, anche prima di passare a cantare in inglese, risultano essere una delle pop/rock band più famose della Finlandia (sarà che tutti gli altri fanno gothic o metal?), anche se non ancora in grado di accantonare gli Him. Come si è appena detto non fanno metal, e questo non è un dettaglio da sottovalutare, vista la provenienza geografica. Il problema è che la produzione del tastierista dei Nightwish, Tuomas Holopainen, di questo “A Way Away” conferisce a loro quel tipico tocco nordico/gotico dove ogni nota ti parla delle magiche gesta di elfi e folletti, riportando nei ranghi anche queste Indica, che producono quindi un disco decente, ma con sonorità troppo poco originali per classificarlo come un qualcosa di fresco ed innovativo.

Tutte le canzoni sono più o meno sovrastate da pompose tastiere ed archi sintetizzati, con un abuso onnipresente delle doppie e triple voci, a creare ancora di più quell’effetto straniante di atmosera gotica che rende noiosi pezzi altrimenti ben costruiti come “Children of Frost” e “Scissor, Paper, Rock”. Negli ultimi lavori dei Nightwish, diciamo da quando Tarja Turunen ha lasciato il microfono alla nettamente inferiore Anette Olzon, si sentono anche piccole ballad dai toni folk, e anche questo album degli Indica ne presenta alcune (vedasi “In Passing” e “A Way Away”), più spoglie però a livello di archi rispetto ai loro compagni superiori e lasciate all’ottimo protagonismo della voce e dei testi di Jonsu.

In generale il prodotto finito è quasi sufficiente, anche se non dà nessun motivo per esaltarlo in maniera particolare, complice l’assenza di inventiva e originalità che in tutto il disco ti fa sentire il medesimo pezzo e le medesime linee vocali ripetute e riarrangiate come pezzi di lego incollati uno sopra l’altro in maniera sempre diversa, ma senza cambiarli mai. Forse la pretesa di risultare ‘magniloquenti’ nonostante un sound piuttosto blando e tranquillo ne devia anche la qualità finale, giacché fare metal è molto più semplice che fare qualsiasi altro genere mentre tentare di trasformarlo o camuffarlo è impresa molto dura nel duemiladieci.

A Way Away
[ Pias / Warner - 2010 ]
Similar Artist:Nightwish, Tarja Turunen, Blackmore’s Night, Northern Kings
Rating:
1. Islands of Light
2. Precious Dark
3. Children of Frost
4. Lilja’s Lament
5. In Passing
6. Scissor, Paper, Rock
7. A Way Away
8. As If
9. Straight & Arrow
10. Eerie Eden

 

Articoli Correlati:

4 commenti »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…