banner

STANDARD FARE
The Noyelle Beat

1 settembre 2010

TAGS:

Di Sheffield mi viene in mente solo l’oscurità di una notte con poche stelle.
I tagli di rasoio dei Cabaret Voltaire. Le vibrazione glaciali degli Human League. Gli sfoghi oceanici di Def Leppard e Joe Cocker. L’anomalia intellectro della Warp. L’emotività addominale dei Pulp. E poco (?) altro.
Nonostante tutto è stata la città rasa al suolo dalla Thatcher.
Dove la speranza e la luce sono state annichilite, velocemente ripiegate su se stesse, ed infilate, a malo modo, nell’ultimo cartone disponibile di un banco dei pegni di periferia.

Dopodichè il XXI secolo ha deciso di ridistribuire le sue Grazie un pò ovunque, a volte a casaccio, soffermandosi anche sopra la Città Interrotta: riaprendo la famigerata scatola e rilasciando la Memoria nei notebooks del vicinato tutto.
Ecco le Long Blondes allora. Ecco i tramonti sereni. Ecco i ritornelli scazzati degli Arctic Monkeys sotto la doccia. Ecco gli Standard Fare. Ecco la rinascita del Pop.
Perché “The Noyelle Beat” incarna tutto quello che un perfetto esempio di Gioiellino Pop deve possedere per necessità: l’essere solare, poco impegnativo nei testi, ben cantato, squillante e veloce.

E il trio di Sheffield, capitanato dalla carismatica cantante/bassista Emma Kupa e dal buon chitarrista/seconda voce Danny How, ha compreso e capitalizzato tutti gli inputs disponibili con tempistiche e scaltrezza davvero fulminee.
Sfornando così un lavoro di debutto come minimo affascinante e degno di attenzioni…..morbose…..per dire.
Dalle svolte Teen appena accennate (“Fifteen”, “Nuit Avec Un Amie”), ai vocalismi da brivido (“Love Doesn’t Just Stop”, “Dancing”), dai fieri omaggi al mondo Indie (“Philadelphia”, “I Know It’s Hard”, “Edges And Corners”), alle magie sospese (“Wrong Kind Of Trouble”, “Let’s Get Back Together”, “Wow”), “The Noyelle Beat” è il disco da ascoltare per dare un senso a questo agosto senza nulla da fare!

Una perla nascosta nel mare dell’indifferenza, navigato spesso da artisti cotonati di mediocrità.
Il mio consiglio spudorato, se davvero ne volete uno, è di fare man bassa delle canzoncine degli Standard Fare e distribuire quel poco di disimpegno interessante che c’è in giro, a tutti i vostri amici…..o nemici, a piacimento.

The Noyelle Beat
[ Melodic - 2010 ]
Similar Artist: Mazzy Star, C-86, Belle & Sebastian, Long Blondes
Rating:
1. Love Doesn’t Just Stop
2. Nuit Avec Une Ami
3. Philadelphia
4. Wrong Kind Of Trouble
5. Fifteen
6. Lets Get Back Together
7. Secret Little Sweetheart
8. I Know It’s Hard
9. Married
10. Edges & Corners
11. Dancing
12. Be Into Us
13. Wow

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…