TEENAGE FANCLUB
Shadows

[ PeMa - 2010 ]
8
 
Genere: alternative rock, guitar pop
 
3 settembre 2010
 

C’è stato un momento, da qualche parte nella prima metà degli anni ‘90, in cui i Teenage Fanclub si sono ritrovati davanti a un bivio. Da un lato c’era il vortice di successo e clamore del nuovo rock alternativo: arrivava dall’America e in un attimo aveva conquistato anche l’Europa, su fino a Glasgow, città natale del quartetto scozzese. Kurt Cobain in una delle sue sparate li aveva definiti ‘the best band in the world’, e come sempre non aveva sbagliato di molto. Concerti insieme ai Nirvana, allora. Capelli lunghi, copertine e interviste. Quel tipo di vita e di fama. Dall’altro lato la stessa strada che li aveva condotti fino a lì proseguiva serena, dolce e senza ostacoli come una bella melodia in arrivo dagli anni ‘60. Per qualche tempo i Teenage Fanclub sono rimasti affacciati verso la prospettiva del grande pubblico e della celebrità. Hanno attraversato la stagione d’oro del brit pop con un disco, “Grand Prix”, semplicemente perfetto. Tanto che anche quello spaccone di Liam Gallagher aveva dovuto riprendere le parole di Cobain declassando il quartetto di Glasgow a ‘second best band in the world’. La prima, nei sogni della sua mente distorta, sarebbero dovuti essere gli Oasis. Ovviamente sbagliava.

Ma i Teenage Fanclub non sono mai andati oltre quel punto. Non hanno mai fatto il passo decisivo, quello che gli mancava per raggiungere il successo. Il successo grande, di massa. E oggi c’è da essergliene grati. Perché così facendo possiamo ritrovarci tra le mani un disco come “Shadows”. E a vent’anni dalla pubblicazione dell’esordio “A Catholic Education”, i quattro scozzesi non mostrano alcun segno di stanchezza o cedimento. Si presentano anzi con la solidità e la concretezza di chi sa bene cosa sta facendo, di chi sa prendersi tutto il tempo necessario per fare le cose a modo. Si presentano, allo stesso tempo, con la modestia un po’ schiva dell’artigiano dietro cui si nasconde un artista. Non un passaggio fuori posto, non una melodia sbagliata. Non una canzone che non sia perfetta.

Il cuore della band, come sempre, risiede nel tridente di autori-cantanti Gerard Love, Norman Blake e Raymond McGinley. La scaletta dell’album lo riflette in modo matematico, con una successione equilibrata di quattro triplette LoveBlakeMcGinley che dona al disco dinamismo e stabilità. Solo i Teenage Fanclub sono in grado di prendere un giro d’accordi da terza lezione di chitarra e trasformarlo in un singolo luccicante, disperato e incantevole come “Baby Lee”. Solo i Teenage Fanclub riescono a segnare un cambio armonico e di tempo con qualche semplice pennata di chitarra acustica come nel finale di “The Fall”. Soltanto i Teenage Fanclub possono dire cose come Well, the Rolling Stones wrote a song for me (“When I Still Have Thee”) o Dark clouds are following you / But they’ll drift away / I watched the night turning into a day (“Dark Clouds”) e restare perfettamente credibili. Trucchi da manuale della perfetta canzone indie pop, che la band scozzese maneggia con una sicurezza, una maestria e una serenità ineguagliabili. Come una ricetta semplice da cui esce un piatto squisito, oppure un gioco di prestigio che contiui a rivedere senza riuscire ad afferrarne il segreto: ciò che resta ogni volta è l’incanto del risultato.

I Teenage Fanclub hanno scelto di seguire la loro strada ed è stata la scelta migliore per tutti. Per noi, incantati da ogni nuova canzone. E per loro, che lontano da clamori e celebrità, lontano anche dal music business (il disco esce per la loro etichetta, PeMa), hanno trovato la dimensione ideale. Una vita che si rispecchia nella natura (“Live With The Season”), che guarda con dolcezza al passato (“The Back Of My Mind”, “The Past”), sempre capace di dare speranza (“Sweet Days Waiting”). Wake me when the conflict is over / I aim for a peaceful life / Shake me when this madness is no more / I favour a peaceful life, canta Gerard Love in “Shock And Awe”. E anche se le nostre vite non sono semplici e ideali come quelle disegnate dalla band scozzese, ascoltare “Shadows” ci fa sentire proprio così, anche solo per un poco.

Tracklist
1. Sometimes I Don't Need To Believe In Anything
2. Baby Lee
3. The Fall
4. Into The City
5. Dark Clouds
6. The Past
7. Shock And Awe
8. When I Still Have Thee
9. Live With The Seasons
10. Sweet Days Waiting
11. The Back Of My Mind
12. Today Never Ends
 
 

Baroness – Gold & Grey

Ci sono dischi che segnano la fine di un ciclo. “Gold & Grey” è l’album con cui i Baroness scelgono di chiudere la serie di ...

Perry Farrell – Kind Heaven

Ammettiamolo: la carriera solista del buon Perry Farrell non è mai decollata veramente. Penalizzata dai molteplici impegni di un uomo che ...

Peter Perrett – Humanworld

Qualcuno dovrebbe fare un docu – film sulla vita di Peter Perrett, frontman dei The Only Ones. Gruppo capace di pubblicare tre album ...

Whenyoung – Reasons to Dream

Limerick è una cittadina situata alla foce del fiume Shannon nell’Irlanda sud-occidentale. È storicamente formata da due ...

SOAK – Grim Town

Sono passati quasi quattro anni da “Before You Forgot How To Dream”, l’ottimo debutto di Soak, ma alla fine di aprile, via Rough Trade ...