banner

LOLLAPALOOZA ‘10 – DAY THREE @ Grant Park, Chicago (USA, 08/08/2010)

12 settembre 2010

TAGS:

LINE UP – 08/08/2010:
SOUTH STAGE: NNEKA, THE CRIBS, X JAPAN, WOLFMOTHER, SOUNDGARDEN
BUDWEISER STAGE: THE ANTLERS, BLITZEN TRAPPER, YEASAYER, MGMT, ARCADE FIRE
PLAYSTATION STAGE: MINIATURE TIGERS, THE DODOS, MUMFORD & SONS, MUTEMATH, THE NATIONAL
ADIDAS STAGE: >HEALTH, SWITCHFOOT, MINUS THE BEAR, ERYKAH BADU, CYPRESS HILL
THE GROVE: FRANK TURNER, COMPANY OF THIEVES, THE IKE REILLY ASSASSINATION, HOCKEY, FRIGHTENED RABBIT, THE TEMPER TRAP
PERRY’S STAGE: DANI DEAHL, TEAM BAYSIDE HIGH, FELIX CARTAL, DID GUTMAN OF BRAZILIAN GIRLS, NERVO, CHIDDY BANG, MEXICAN INSTITUTE OF SOUND, DIRTY SOUTH, FLOSSTRADAMUS, FELIX DA HOUSECAT, DIGITALISM
BMI STAGE: SON OF A BAD MAN, NEON HITCH, THE BAND OF HEATHENS, FREELANCE WHALES, VIOLENT SOHO
KIDZAPALOOZA STAGE: SCHOOL OF ROCK, THE Q BROTHERS, RECESS MONKEY, DAN ZANES AND THE CHICAGO YOUTH SYMPHONY ORCHESTRA, PETER DI SETFANO & TOR, THENEWNO2, PERRY FARRELL, THE VERVE PIPE

Il terzo giorno del Lollapalooza è una lunga preparazione alla staffetta finale MGMTThe NationalArcade Fire a dimostrazione che forse qualcosa di miracoloso può ancora accadere. Malgrado sia davvero difficile seguire i concerti con quaranta gradi alle due di pomeriggio, senza un filo d’ombra e con un tasso di umidità che non si registra più neanche nella foresta tropicale, ce la si fa lo stesso. Anche davanti a band come i Mumford & Sons, ormai popolarissimi negli States (probabilmente grazie alle playlist proposte nei negozi stile Urban Outfitters), che piuttosto fa venire in mente fiumi di lana a scacchi e pinte di Guinness. A seguire i The Cribs, che attirano qualche fan più duro e puro rispetto agli efebici indie in circolazione, i prescindibili Minus the Bear a fungere da palliativo elettronico e i Temper Tramp di cui si sceglie di non intravedere neanche il palco e che rientrano nella categoria di band di cui si poteva fare tranquillamente a meno. Ottimi i Mutemath, mezza delusione gli Yeasayer, dalle parti dei Wolfmother si registra una sessione derivativa e poderosa (la cosa più bella sono le fan, sembrano tutte cloni di Marisa Tomei in “The Wrestler”, con la loro divisa shorts inguinali+stivali da biker). Dispiace perdersi Erykah Badu, ma altrove stanno succedendo cose altrettanto importanti. Gli MgMt riproducono un set più strumentale e concreto del previsto- probabilmente nel corso degli anni hanno imparato a suonare- e “Congratulations” sembra una cosa buona anche dal vivo, malgrado la distanza a tratti sconcertante dai pezzi di “Oracular Spectacular”, di cui fanno, come da copione, “Kids”, “Electric Feel” e soprattutto “Time to Pretend”, che forse è il testo più onesto e rappresentativo del motivo per cui certa gente sta sotto e sopra il palco: divertirsi, farsi d’eroina o di ore di ufficio e soprattutto fingere, prima di dissolversi.

Quello che accade nelle tre ore successive ha un grosso debito con l’epica e le retoriche di salvezza. A partire dalla presenza di un autore come Matt Beringer dei The National, che è il miglior performer live da decenni a questa parte. Malgrado i completi da gentiluomo di campagna e la sua disperata vocazione da crooner, dal vivo è brutale, sbandato e sempre, sempre ubriaco. Non si tutela, non teme le imperfezioni, stona come pochi e inietta un po’ di realismo in un circuito musicale indie-post-punk altrimenti levigato e austero (per dire, Paul Banks in tutti i suoi live non lo si è mai visto perdere polso e sangue, piace lo stesso, ma l’emozione che trasmette Beringer è imparagonabile). I The National aprono con “Mistaken for Strangers” e impiantano gran parte dei live, giustamente, su “High Violet”, anche se fanno un bel ripescaggio con “Available”. Segue l’ormai classico stage diving su “Mr. November” e l’esecuzione di “Fake Empire” in quattro minuti di tramonto, malgrado la definitiva liquidazione del sogno americano e l’incombente minaccia di grattacieli che potrebbero crollare in qualsiasi momento, pretende e merita la storia, oltre alle lacrime che vedi scorrere sui volti di persone insospettabili attorno. Si chiude con “Terrible Love”, e pochi minuti sul palco accanto fanno ingresso loro.

La band dei vicinati e dei sobborghi, la band fondamentale degli anni zero, quelli che meglio di altri coniugano eredità storica e innovazione. Gli Arcade Fire. Sono tantissimi e arrabbiati, pare. Win Butler ha una rasatura da chi si è convertito al totalitarismo di massa e una divisa working class che porta distintivi in omaggio di Haiti (a cui la band presta attenzione da tempi non sospetti). C’è un’attesa febbricitante per i “The Suburbs”- non a caso iniziano con la traccia omonima e con “Ready to Start”- che molti non hanno ancora ascoltato. I pezzi sembrano più composti che incendiari, ma sono contraddistinti da quell’aurea grave che circonda qualsiasi cosa gli Arcade Fire sembrano predestinati a fare. A tratti sono persino divertenti (la famigerata “Sprawl II”, per intenderci), mentre l’escapismo di “Suburban War” lascia francamente stupefatti. Il tutto in prospettiva della sequenza finale “Rebellion”, “We used to wait” e “Wake Up”, e in quel momento c’è tutto, la coscienza delle periferie, il fallimento della classe media, il potere delle masse, l’infelicità come forma di elevazione e l’unica epica possibile, dove la letteratura fallisce, forse sta proprio nelle canzoni che hai appena ascoltato. Vedi e senti ragazzini abbracciati attorno a te che sfilano fuori dai cancelli di Grant Park urlando a braccia tese quell’ ‘oh-oh-oh’ che è il coro di “Wake Up” e ti sembra abbastanza ovvio concludere che una cosa del genere, in questa forma e intensità, non la troverai più così facilmente.

In attesa della prossima edizione (su cui si azzarda un pronostico: da un lato M.I.A a inneggiare “Give war a chance” e dall’altro Bono che china il capo e mormora Perdonala, perché non sa quel che fa, a riprodurre le multiformi opposizioni e sovrapposizioni tra alternativi che non lo sono più e alternativi che non lo sono mai stati e alternativi che non avrebbero fatto la differenza), Lollapalloza 2010 finisce qui.
Sometimes I can’t believe it/I’m moving past the feeling.

Link:

  • LOLLAPALOOZA Website

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…