MALE BONDING
Nothing Hurts

 
 
13 Settembre 2010
 

Dopo vagonate di gruppi pronti a saltare su quel treno della celebrità chiamato lo-fi, una band capace di calamitare l’attenzione dell’ascoltatore per più di due-minuti-due doveva pur arrivare. E dopo tante celebrazioni per i nuovi fenomeni del momento stavamo rischiando di perderci tra bagordi e sollazzi i Male Bonding, formazione britannica che ha piazzato un debutto da incorniciare che coniuga con stile accessibilità e qualità.

In verità la formula adottata dal trio inglese non si discosta di molto da quella professata da orde di gruppi adoranti la bassa fedeltà: melodie seppellite da registrazioni volutamente sfuocate, venature di rumore e riverbero che accrescono il fascino di un’offerta che lambisce credenze pop, fascinazioni punk e attitudini rock. Insomma “Nothing Hurts” è un disco che frulla diverse influenze ed intuizioni ma che non si limita ad un semplice copia-e-incolla, imbastisce pezzi diretti e scanzonati senza mai smarrirsi in inutili divagazioni. Tra chitarre duellanti pronte ad erigere splendidi muraglie soniche che fanno tanto Husker Dü, melodie a presa istantanea che faticheranno ad uscirvi dalla testa e una sana dose di ironia che non guasta mai, la band piazza in rapida serie un quantità incredibile di potenziali singoli: dall’apertura adrenalinica di “Year’s Not Long” al motivetto infettivo di “Franklin”, dal noise scanzonato di “Crooked Scene” al post-punk di “T.U.F.F.” é un continuo frullare di emozioni e note che dipingono splendide istantanee di un’espressivitá coincisa e ficcante.

Tredici tracce per una mezzora scarsa: un disco da gustare tutto d’un sorso. I nuovi messia dell’indie-rock a bassa fedeltá? É ancora troppo presto per lasciarsi andare a facili entusiasmi ma per il momento battiamo forte le mani.

Cover Album

  • MySpace
  • BUY HERE
Nothing Hurts
[ Sub Pop – 2010 ]
Similar Artist: Husker Dü, Nirvana, Dinosaur Jr.
Rating:
1. Year’s Not Long
2. All Things This Way
3. Your Contact
4. Weird Feelings
5. Franklin
6. Crooked Scene
7. T.U.F.F.
8. Nothing Remains
9. Nothing Used to Hurt
10. Pirate Key
11. Paradise Vendors
12. Pumpkin
13. Worse To Come
Tracklist
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...