banner

THE PIPETTES
Earth Vs. The Pipettes

20 settembre 2010

TAGS:

Nel 2005 Gwenno, RiotBecki e Rosay erano tre ragazze inglesi, belle ma non bellissime, brave ma non bravissime, unite sotto un enorme logo a caratteri vintage: The Pipettes. Il trio, contraddistinto da un’estetica 50s/60s, fu capace di sfornare delle buone hit che ebbero un discreto successo, sia in patria che all’estero, ispirandosi alle sonorità della Swinging London: coretti alternati a melodie easy listening, rimembranze Motown, rivisitazioni twist, il tutto accompagnato dalla coscienziosa ambizione di avvicinarsi non solo ai più nostalgici fan di minigonne e bombette quanto a un pubblico più ampio, contaminando il proprio repertorio senza tuttavia svendersi alle masse.

”We Are The Pipettes”, riportavano 5 anni fa il titolo di una canzone e dell’album di debutto stesso.
Al primo ascolto del nuovo “Earth Vs The Pipettes” c’è da chiedersi: sono ancora le Pipettes? Fisicamente ce n’è solo una, quella Gwenno Saunders meglio nota ai bei tempi che furono come la leader della band, la biondona sempre al centro delle posatissime foto. Al suo fianco, non più le due compari di un tempo, bensì Ani, sorella della stessa Gwenno, subentrata nella formazione in seguito a più scambi e mescolamenti. Il trio, ora duo, sacrifica non solo due dei tre membri originali, ma anche l’ispirazione vintage che ha caratterizzato la sua ascesa e che ha contribuito al successo della band, a favore di un’estetica ispirata alle pellicole SciFi-Trash anni ‘70 e di una formula sonora più elettronica, più danzereccia, senza tuttavia rigettare completamente i richiami retro.

Questa volta però, più che a delle novelle Shangri-Las, le Pipettes assurgono alle zeppe e ai pantaloni a zampa d’elefante degli ABBA e ai capelli cotonati delle Bananarama. I timidi coretti lasciano il posto a voci pompate, gli organi retrò sono rimpiazzati da smaglianti giri di synth, come nell’iniziale “Call Me”, in cui le riservate Pipettes di un tempo sono cacciate a calci dalle due nuove audaci signorine.
La piega presa era immaginabile sin dall’uscita di “Our Love Was Saved By Spaceman”, primo singolo della nuova era, simpatico brano poppettaro con richiami alla disco anni 70 con tanto di video lo-fi a tema kitsch-fantasy. Stessa formula sonora applicata sul secondo singolo in uscita, “Stop The Music”, dichiarazione d’amore agli ABBA; le sorelle Saunders incrociano le loro voci (suadente quella di Gwenno, anonima quella di Ani) su una rapida base disco, senza dubbio più commerciabile di una qualsiasi canzone delle Pipettes d’antan. Per il resto, l’album prosegue abbastanza lineare su questa via, incrociando episodi ultrapop (“I Need A Little Time”), solidi synth-pop (“Captain Rhythm”), sporadici richiami sixties (“Ain’t No Talkin’”) sino all’epilogo con “From Today”, vortice elettropop vocoderizzato.

Cosa rimane delle vecchie Pipettes? Sicuramente la voglia di divertire, tanta abbastanza da produrre un discreto disco pop. Gli aficionados di zeppe e mirror ball ringraziano sentitamente.

Earth Vs. The Pipettes
[ Fortuna POP! - 2010 ]
Similar Artist: Music Go Music, Bananarama, ABBA
Rating:
1. Call Me
2. Ain’t No Talking
3. Thank You
4. I Need A Little Time
5. History
6. I Always Planned To Stay
7. Stop The Music
8. I Vibe You
9. Our Love Was Saved By Spacemen
10. Finding My Way
11. Captain Rhythm
12. From Today

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…