banner

INTERPOL
S/T

20 settembre 2010

TAGS:

Turn off those bright lights, please.

L’oscurità ancora una volta.
Fanculo, come se poi avessi davvero bisogno di più buio di quello che già mi porto dentro e che spargo in giro. Se volete un po’ di sane tinte scure e rarefatte come una nebbia in negativo fatemi un fischio. Le spese di spedizione e le conseguenze sono tutte le vostre. Oppure ascoltate ancora una volta con attenzione perché Paul Banks può oscurarvi la via come si deve.
Sapete no?
Arriva l’autunno.
Si, sapevate già.

Odio quando arriva l’autunno, vorrei implodere e ingoiare tutto quel silenzio che a sua volta a poco a poco va mangiandosi le strade e i miei minuti preziosi.
Se siete qui sapete già più o meno tutto quello che c’era da sapere, perciò non cercate altro. Tempo di spegnersi ancora le sigarette addosso per sentire chi brucia di più: voi o la vita. A voi è sempre e solo interessato essere un’ombra nobile e sottile e se siete su questa pagina sapete già di Carlos D, Dave Pajo e Brandon Curtis, dei vari side projects, avete ascoltato centinaia di volte “Turn On The Bright Lights”, vi siete compiaciuti con il romanticismo nero di “Antics” e forse avete pure fatto fatica a digerire il pranzo con il disco seguente.

Continuate a tendere verso il nero, nonostante tutto.
Continuate comunque a scrivere con un inchiostro scurissimo su pagine candide. Macchiate il mondo, prima di alzare lo sguardo verso le casse stereo, prima di alzare di più il volume, finché ogni singolo pelo sulle braccia non è pervaso da un brivido. Se non è emozione sono le pareti che vibrano a stordirvi i sensi. E se pensate che le pareti non stiano vibrando beh andatelo a dire ai vostri vicini che vogliono solo guardare in santa pace la tv, o andatelo a raccontare alla polizia che tra circa quattro secondi busserà con forza alla vostra porta. Storditi ecco, cercate poi di capire un po’ meglio e il risultato è pura claustrofobia. Sapevate anche quello forse.
Bene così.

Derivativo.
Il vostro buio, la vostra voglia di mandare affanculo il mondo è derivativa. Copia pari passo quello che succede alla luce quando si spegne. Questa musica fa altrettanto, ma come vi trovate comodamente seduti nella vostra rabbia non avrete poi grossi problemi ad accettare le conseguenze di queste note. Dopotutto le stavate aspettando.
Sapevate no?

Io sono uno di quelli che ha sempre affermato che le stelle sono solo in cielo (fatta eccezione per qualche rara persona speciale che cammina al nostro fianco nella vita), mai su una pagina scritta da qualche disperato con qualche sogno smozzicato in tasca che parla di qualche altro disperato con uno strumento in mano. Perciò, se vi pare, appiccicatene pure di sotto quante ne volete di stelle o toglietele pure tutte…frega niente. Io vi dico quello che è e quello che è rimane dopo aver ascoltato. Canzoni come “Barricade” o “Lights” vi dicono che siamo vicini al suono di “Antics”. Poca psichedelia e voglia di cazzeggio nella nebbia nera e nell’eco che la faceva da padrone qualche anno prima. Qui ci si taglia, in modo rapido. Il risultato complessivo però delude. Non c’è qualcosa che rimane in mente in modo prepotente. Solo una sensazione ‘generale’ di frustrazione e qualche riff semplice grazie al quale si può riconoscere il “sound Interpol” dopo pochi secondi. Quella voce la conoscete, la amate, la odiate, poi qualcosa di nuovo con “Try It On”, quel fischio, quella batteria che sembra non azzeccarci niente con le note del pianoforte e invece è forse la chiave di una canzone che rappresenta la volontà di muoversi altrove, almeno di un millimetro.

Il primo disco mi aveva entusiasmato, il secondo (per gusti personali) ancora di più, e poi più niente. Comincio a pensare che gli Interpol siano una delle tantissime band rock di oggi che si è trovata a suonare la cosa giusta, al momento giusto, nel posto giusto. Questo, pur producendo buona musica in generale, ma che nel 2010 sembra non andare più da nessuna parte, sembra non lasciare un messaggio. Non più. Do ragione a Carlos D. Meglio trovare altra claustrofobia, altrove.

Questo disco è come l’autunno che sta per tornare. Molti ci si adattano e in fondo poi alla fine scoprono che dentro non ci si sta poi così male. Il nero è forse il colore più caldo perché avvolge indiscriminatamente tutto.

Quelle luci sembrano brillare di meno adesso.

Interpol
[ Matador - 2010 ]
Similar Artist: The National, Editors, Julian Plenti, White Lies
Rating:
1. Success
2. Memory Serves
3. Summer Well
4. Lights
5. Barricade
6. Always Malaise (The Man I Am)
7. Safe Without
8. Try It On
9. All Of The Ways
10. The Undoing

 

Articoli Correlati:

51 commenti »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…