banner

WEEZER
Hurley

22 settembre 2010

TAGS:

Prendiamo in considerazione il fattore tempo. Ce ne vorrebbe tanto, circa una ventina di anni, per far sì che “Hurley” dei Weezer diventi quello che si propone di essere, un oggetto cult. Almeno un passaggio generazionale affinché una serie come “Lost” venga digerita, dimenticata e rispolverata, quando Jack e co. avranno una patina vintage di cui ignoreremo volutamente intensità e colore; già immagino l’album nelle inquadrature di un film indipendente e citazionista di futura gestazione.

Ho il sospetto che i Weezer abbiano scelto la copertina di “Hurley” con il desiderio di piazzare una furbata, abbinando un’immagine geek a una scaletta di brani adolescenti e ammuffiti, più adatti a un serial televisivo targato Hbo anni Novanta che ad altro, qualcosa di allegramente demenziale che dovrebbe far sentire tutti più consolati ma che è l’esatto contrario del cult, per quanto il tuo vicino di casa disadattato voglia convincerti del contrario.

La brutalità dei fischi che hanno accolto Hurley è pienamente giustificata. La domanda è: che diavolo stanno facendo? Una cover di “Viva la Vida” dei Coldplay che ha il pregio di dare dare un nuovo equivalente all’espressione ‘ecco qualcosa di inutile?’.
Non basta un’etichetta come la Epitaph a fornire le giuste credenziali e qui Cuomo riproduce una solfa che era già vecchia dieci anni fa. Certo, non è che i fan stessero stracciandosi le vesti in attesa di nuovo album dopo il flop di Ratitude, ma il fatto che sia arrivato così in fretta lasciava ben sperare, come se qualcuno si fosse ricreduto sulla via di Damasco.

E invece no, Rivers Cuomo è ancora convinto di avere quindici anni e ben facevano le ragazzine a sbattergli le porte degli armadietti in faccia. “Hurley” è disperatamente fuori posto, la opening track “Memories” non fa che spingere un fan depresso a ricordare i fasti di “Pinkerton” e a cambiare idea sul loserismo: forse davvero è solo una cosa da sfigati, senza nessuna connotazione epica.

Volendo rubare una frecciata a un collega d’oltreoceano, “Hurley” dei Weezer è all’altezza del finale della serie a cui si ispira iconograficamente. A ciascuno le sue debite conclusioni. Anzi no, lo dirò io: fa pena.

Hurley
[ Epitaph - 2010 ]
Similar Artist: The All-American Rejects, Blink 182, The Rentals
Rating:
1. Memories
2. Ruling Me
3. Trainwrecks
4. Unspoken
5. Where’s My Sex?
6. Run Away
7. Hang On
8. Smart Girls
9. Brave New World
10. Time Flies
11. All My Friends Are Insects
12. Viva La Vida
13. I Want To Be Something
14. Represent

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…