banner

WEEZER
Hurley

22 settembre 2010

TAGS:

Prendiamo in considerazione il fattore tempo. Ce ne vorrebbe tanto, circa una ventina di anni, per far sì che “Hurley” dei Weezer diventi quello che si propone di essere, un oggetto cult. Almeno un passaggio generazionale affinché una serie come “Lost” venga digerita, dimenticata e rispolverata, quando Jack e co. avranno una patina vintage di cui ignoreremo volutamente intensità e colore; già immagino l’album nelle inquadrature di un film indipendente e citazionista di futura gestazione.

Ho il sospetto che i Weezer abbiano scelto la copertina di “Hurley” con il desiderio di piazzare una furbata, abbinando un’immagine geek a una scaletta di brani adolescenti e ammuffiti, più adatti a un serial televisivo targato Hbo anni Novanta che ad altro, qualcosa di allegramente demenziale che dovrebbe far sentire tutti più consolati ma che è l’esatto contrario del cult, per quanto il tuo vicino di casa disadattato voglia convincerti del contrario.

La brutalità dei fischi che hanno accolto Hurley è pienamente giustificata. La domanda è: che diavolo stanno facendo? Una cover di “Viva la Vida” dei Coldplay che ha il pregio di dare dare un nuovo equivalente all’espressione ‘ecco qualcosa di inutile?’.
Non basta un’etichetta come la Epitaph a fornire le giuste credenziali e qui Cuomo riproduce una solfa che era già vecchia dieci anni fa. Certo, non è che i fan stessero stracciandosi le vesti in attesa di nuovo album dopo il flop di Ratitude, ma il fatto che sia arrivato così in fretta lasciava ben sperare, come se qualcuno si fosse ricreduto sulla via di Damasco.

E invece no, Rivers Cuomo è ancora convinto di avere quindici anni e ben facevano le ragazzine a sbattergli le porte degli armadietti in faccia. “Hurley” è disperatamente fuori posto, la opening track “Memories” non fa che spingere un fan depresso a ricordare i fasti di “Pinkerton” e a cambiare idea sul loserismo: forse davvero è solo una cosa da sfigati, senza nessuna connotazione epica.

Volendo rubare una frecciata a un collega d’oltreoceano, “Hurley” dei Weezer è all’altezza del finale della serie a cui si ispira iconograficamente. A ciascuno le sue debite conclusioni. Anzi no, lo dirò io: fa pena.

Hurley
[ Epitaph - 2010 ]
Similar Artist: The All-American Rejects, Blink 182, The Rentals
Rating:
1. Memories
2. Ruling Me
3. Trainwrecks
4. Unspoken
5. Where’s My Sex?
6. Run Away
7. Hang On
8. Smart Girls
9. Brave New World
10. Time Flies
11. All My Friends Are Insects
12. Viva La Vida
13. I Want To Be Something
14. Represent

 

Articoli Correlati:

5 commenti »

Ultime recensioni

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…

Another Language

THIS WILL DESTROY YOU
Another Language

A pensarci bene, per il grande disco dei This Will Destroy You bisognerà ancora…