BLONDE REDHEAD
Penny Sparkle

 
Tags:
 
27 settembre 2010
 

L’asfalto bagnato ci ricorda che l’autunno è ancora una volta una realtà; nuvole ormai svuotate del loro carico corrono veloci verso l’orizzonte, in fondo a questa striscia di asfalto, là dove il cielo pallido del primo mattino si congiunge alla terra fondendosi con essa tra la nebbia grigia e densa dell’alba. I programmi di merda in tv e le giornate sempre più corte non lasciano dubbi, non è più tempo di passeggiate sulla battigia e birre fredde in bicchiere di plastica ai concerti. Settembre è un mese triste e malinconico, non c’è via di scampo…

Poche auto intorno, la città ancora dorme: tra poco questa tranquillità svanirà come la bruma mattutina, divorata da un infermale caos di sferragliamenti clacson fumi semafori precedenze doppiefile imprecazioni e troppa luce; ma adesso questa visione momentanea e quasi sospesa nel torpore mattutino mi apre la strada alla piena comprensione dell’ultimo Blonde Redhead che scorre liscio dall’autoradio nell’abitacolo, dissolvendosi in nulla come il fumo di una sigaretta attraverso lo spiraglio lasciato aperto dal finestrino, via nella brezza fresca.

Non è un album facile, “Penny Sparkle”: lascia spiazzati fin dai primi istanti, e magari se ascoltato in situazioni non ottimali fa persino storcere il naso. Perché non vi si trovano più quelle dissonanze ‘soniche’ che, seppur compresse e addomesticate come in “23”, erano state un marchio di fabbrica del trio italo-nippo-newyorkese a partire dai primi lontani passi, sette dischi fa. Pezzi tesi e memorabili come “Spring And By Summer Fall” sembrano quanto mai distanti, eppure “Penny Sparkle” è nient’altro che la sublimazione di un processo iniziato almeno con “Misery Is A Butterfly”, il bistratto – a torto – album della svolta pop, se non ancora prima. Riposte le chitarre, sono ora loop di batteria elettronica e intrecci di sintetizzatori vari a tessere la fine trama su cui si spande la voce eterea di Kazu, qui più che mai misurata ed elegante, ma al contempo vero e proprio cardine di nove composizioni su dieci (fa eccezione “Will There Be Stars”, anello di congiunzione col passato, in cui Amedeo Pace è solo dietro al microfono). Le sessioni di registrazione tra New York e Stoccolma, e la produzione di Van Rivers e Subliminal Kid, già con Fever Ray e Massive Attack, sono elementi che si riflettono pesantemente sull’atmosfera complessiva di un album che passa dal quasi trip-hop di ‘Oslo’ al synth-pop scuola Depeche Mode in “Not Getting Here”, con frequenti incursioni in area electro-eighties e dream-pop.

Al di là di alcune parentesi troppo cerebrali, a voler trovare una pecca nel disco qualcuno vi potrebbe parlare della mancanza di veri e propri guizzi, dell’assenza di quel ‘genio e sregolatezza’ che segna lo stacco tra un buon disco ed un capolavoro. Non nego di essere stato vittima anche io delle stesse perplessità, poi dissipate, dopo i primi ascolti di certo un po’ distratti. Qualcuno vi dirà che si tratta di un disco di ‘musica da sottofondo’, qualcun’altro che i Blonde Redhead sono al capolinea, o ancora che il gruppo non ha mai avuto molto da dire: ma provate a farvi avvolgere e trascinare per un istante dalle melodie di pezzi come “Black Guitar” nella tranquillità del primo mattino, o nella quiete immobile che segue un acquazzone autunnale, e vedrete che ve ne innamorerete perdutamente.

Penny Sparkle
[ 4AD – 2010 ]
Similar Artist: Ms. John Soda, Air, Fever Ray
Rating:
1. Here Sometimes
2. Not Getting There
3. Will There Be Stars
4. My Plants Are Dead
5. Love Or Prison
7. Oslo
8. Penny Sparkle
9. Everything Is Wrong
10. Black Guitar
11. Spain
Tracklist
 
  • merdina

    grandissima grandissima grandissima recensione.
    e album molto bello.

  • http://accentosvedese.blogspot.com Accento Svedese

    Io non riesco ad ascoltarlo. Ogni volta che lo piazzo nel lettore mi addormento.
    Problema mio, comunque.

  • http://www.facebook.com/giuseppe.muci Mr. Soft

    No, è effettivamente un disco strano, ed in giro ho letto giudizi che vanno dall’esaltazione suprema allo smerdamento totale ed incondizionato.
    Anche io fino ad un paio di settimane fa avevo sul desktop una recensione diametralmente opposta. Rimane qualcosa del lavoro di produzione che non mi convince al 100%, comunque.

  • pony

    recensione tremenda.

    poche auto intorno, la città ancora dorme, asfalto bagnato, acquazzone autunnale, brezza fresca — se serve ancora questo per esprimere positivamente un giudizio allora è finita.

    riguardo all’album, è carino, ma nato vecchio, nulla che i massive attack non abbiamo già fatto.

    similar artist: people press play, lamb, oceansize

  • merdina

    Pony, fenomeno: i people press play non c’entrano un cazzo coi sopracitati. A fenomeno. Lamb nemmeno.

    perchè non la fai tu la recensione? la puoi scrivere su commento, come ho fatto io con quella dei national che non concordavo.
    Invece di rompere il cazzo.

    Io artisti simili metto cocorosie, ms. john soda, skywave, death in vegas.

  • http://www.indieforbunnies.com/author/michele-tioli/ mikk64

    …concordo con accento svedese…lo trovo proprio fiacco, all’estremo…troppo patinato, e forse perchè avevo amato le prime cose in linea con sonic youth…forse a luci spente, in dolce compagnia, e senza troppa stanchezza addosso… ;)

  • SwAmp

    Mmm, i Blonde Redhead. Non mi convincono più da molto oramai. Questo disco l’ho trovato personalmente molto deludente, così come il precedente “23”, non mi piacque nemmeno “Misery Is a Butterfly”. Questo l’ho trovato soporifero, freddo, e poco ispirato a livello di songwriting e di melodie..Buh! Ritengo che il loro apice creativo sia stato “Fake Can be Just as Good” del ’97, un piccolo capolavoro, abilissimo nel deturpare graziose melodie pop con gli influssi noise delle due chitarre, in quell album trovarono secondo me la loro personalità, pur ancora mantenendo le influenze “Sonic Youth” dei primi due lavori. Ottimi anche i successivi due. Poi per me, stop!

 

The Suitcase Junket – Pile Driver

Matt Lorenz, l’istrionico musicista del Massachusetts che si cela dietro le spoglie di The Suitcase…

Julie’s Haircut – ...

Suoni ipnotici, storpiati, elettrizzati, mescolati. Volutamente psichedelici, rotatori, ritornanti. Questo è lo stile Julie’s ...

Splashh – Waiting a Lifetime

Batterie in loop e chitarre riverberate: così parte Waiting a Lifetime, seconda fatica degli Splashh.…

Moon Duo – Occult Architecture ...

Secondo disco dell’anno per i Moon Duo che completano il discorso iniziato con “Occult Architecture…

Woods – Love Is Love

E’ nato all’alba dell’elezione Trump, ma è una risposta troppo pacata ad un evento del…