banner

BIMBO
Bugie Per Asini

27 ottobre 2010

TAGS: ,

Simone Soldani suonava nei Negative Pole e non è quindi un novellino, ma questo “Bugie Per Asini” è il suo album d’esordio (dopo una colonna sonora per un film che nel 2003 ha partecipato a Cannes): un debutto in cui il livornese veste i panni cantautorali di Bimbo.
Il progetto doveva nascere come gruppo o collettivo, ma Simone si è trovato a registrare l’album tutto da solo. E non è andata affatto male perché sguazzando tra cantautorato moderno (Max Gazzè su tutti, sentite per credere “Ingoiando Sale”) e indie-pop contaminato Simone ha sfornato un cd di tutto rispetto.

Girando per la rete magari vi siete imbattuti nel video di “Non Ho Voglia Di Far Niente” (sponsorizzato da Rolling Stone), primo singolo e ottimo biglietto da visita, scanzonato e generazionale quanta basta. Ma tra le dieci tracce c’è ben altro che si lascia apprezzare: l’iniziale “Figlio Epidurale” mischia sapientemente rimembranze blues e liriche lucidamente amare (non voglio un figlio da nessuno che non mi dia un segno di dolore); “Pedro” non raggiunge le stesse vette qualitative ma scocca notevoli frecce liriche (più non voglio svegliarmi la mattina con la gola che di amore non sa).

“Questo Pesce Sa Di Carne” è surreale, ironica e dannatamente funky nell’affrontare fatti di cronaca davvero spiacevoli (è inoltre il mio pezzo preferito dell’intero lavoro). In “Mi Spavento” l’autore si prende delicatamente per il culo e ancora una volta scrive versi efficaci (se penso a quante donne con la mia mano ho avuto, per non rischiar di amarle gli ho tolto anche il saluto).
Se la componente musicale può non essere troppo originale, con rimandi al Battisti più patinato e contemporaneamente al Rino Gaetano più grezzo (complice anche la voce roca di Simone), il disco si pone nella miglior tradizione cantautorale italiana con liriche che, come esplicitato sopra, lasciano davvero il segno. Un ottimo esordio dunque, da non lasciarsi sfuggire.

Bugie Per Asini
[ Theatralia - 2010 ]
Similar Artist: Max Gazzè, Lucio Battisti, Rino Gaetano, Le Luci Della Centrale Elettrica

Rating:

1. Figlio Epidurale
2. Pedro
3. Questo Pesce Sa Di Carne
4. Mi Spavento
5. Non Ho Voglia Di Far Niente
6. Ingoiando Sale
7. Mille Parole
8. Il Disfattista
9. Paolo
10. Mio Eroe

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…