APPARAT
DJ-Kicks

[ !K7 - 2010 ]
 
Genere: elettronica, dance
Tags: ,
 
8 Novembre 2010
 

Quest’anno la serie Dj-Kicks come si dice a Roma ‘ha fatto davvero i botti’. E ci ha abituato più che bene James Holden, poi uno stupendo mix di Kode 9. E ora è il turno di Apparat, 24 tracce di estrazione più varia mixate dal dj tedesco. I nomi messi nel calderone sono da rimanere a bocca aperta e verrebbe da dire che giocare così è facile: oltre allo stesso Apparat si susseguono i Telefon Tel Aviv (con un inedito), Oval, gli Autechre (con un gran remix degli Scorn), Pantha Du Prince, l’ormai celebre collaborazione tra Burial e Four Tet (“Moth”), un Thom Yorke d’annata, Joy Orbison, Tim Hecker

Descrivere un mix non è mai facile, del resto ci si trova davanti ad una selezione di un musicista, arte in gran parte non sua. Ma certamente si può capire dove sia mentalmente quel dato artista in questo preciso momento. E questo volume della serie DJ Kicks ci fa ritrovare un Apparat che, come dice lui stesso, ha totalmente abbracciato il ‘suo stile che sarebbe non avere uno stile’. È un disco perfetto per lunghi viaggi notturni in macchina, raramente il ritmo si alza più di tanto. Ci pensano i già citati Autechre con il loro remix dubbeggiante, con Four Tet e Burial a fare da contraltare facendo scendere ancora di più il tutto verso una spirale oscura alquanto ammaliante. Il 4/4 è quasi una costante, quanto i bassi pompatissimi (assolutamente un mix da stereo non da laptop!)

Forse a un certo punto si eccede troppo nella techno old style (all’incirca da Vincent Markowski a Oval) e questo fa calare paradossalmente un pochino l’attenzione, per poi riassestarsi verso la conclusione con l’energica “Sayulita”, “Worn Down” di T++ e il riverbero di “Borderlands” di Tim Hecker.

In conclusione, dopo l’ottima collaborazione con i Modeselektor dello scorso anno, Apparat convince ancora. Probabilmente uno dei migliori mix dell’anno, da non perdere.

Tracklist
1. Apparat – Circles
2. 69 – Rushed
3. Telefon Tel Aviv – Lengthening Shadows
4. Apparat – Interlude
5. Luke Abbott – More Room
6. Oval – Legendary
7. Patrice Bämel – Sub
8. Martyn – Miniluv (Original Mix)
9. Ripperton – Echocity
10. Cosmin TRG – Tower Block
11. Scorn – Falling (Autechre “FR 13″ Remix)
12. Born Ruffians – I Need A Life (Four Tet Remix)
13. Pantha Du Prince – Welt Am Draht
14. Phon.o – Intervall
15. Burial + Four Tet – Moth
16. Vincent Markowski – The Madness Of Moths
17. Ramadanman – Tempest
18. Thom Yorke – Harrowdown Hill
19. Spherix – Lesser People
20. Oval – TV Power
21. Joy Orbison – The Shrew Would Have Cushioned The Blow
22. Apparat – Sayulita (DJ-KiCKS)
23. T++ – Worn Down
24. Tim Hecker – Borderlands
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Pastel – Isaiah EP

Dopo il fortunato esordio sulla corta gittata con “Deeper Than Holy” (curiosità, il vinile su eBay era arrivato a costare anche ...

A Grave With No Name – Pink ...

Avevamo lasciato il buon Alex Shields nel 2018 dopo la pubblicazione di “Passover” poi è arrivato l’annuncio di una pausa del ...

Phomea – Me And My Army

E’ un mondo al confine tra analogico e digitale quello creato da Fabio Pocci, in arte Phomea, un progetto solista che si muove tra folk ed ...

Neil Young – World Record

Inizia ad affiorare in me una certa stanchezza nel recensire un nuovo album in studio di Neil Young, la stessa stanchezza che pare ...

Gilla Band – Most Normal

Terzo album per i Gilla Band, la band di Dublino che negli anni si è guadagnata una più che discreta reputazione nel panorama noise non ...

Recent Comments