MANIC STREET PREACHERS
Postcards From A Young Man

[ Columbia - 2010 ]
7.5
 
Genere: rock-pop
 
15 Novembre 2010
 

Qualcuno (forse io) sosteneva che poche band britanniche hanno saputo riprodurre con una tale dovizia di particolari il momento storico in cui si sono evolute come fanno e hanno fatto i Manic Street Preachers. In pieni anni ’90 il loro exploit fatto di malcontento, timore ma anche rabbia e fiducia coincideva con l’avvento del New Labour blairiano, con la tangibile disillusione nei confronti dell’onda lunga del thacherismo che era andato esaurendosi anche e non solo per via di una crisi provocata dal basso.
Ed è proprio questa violenza dialettica la base portante di fenomeni musicali radicati nel disagio della working-class britannica di fine millennio (i Manics ma anche il britpop e certa elettronica) a cui non fa certamente difetto l’inventiva e l’intraprendenza.

Un’analisi di un album come “Postcards From A Young Man” nel 2010 non può quindi prescindere dalle dinamiche storiche che l’hanno generato. Perché omettendo ciò parleremmo semplicemente di un buon disco rock e perché così, no, non si rende un buon servizio alla musica.
James Dean Bradfield lo aveva annunciato: Faremo un album mainstream perché ogni tanto ci piace che le grosse radio suonino i nostri pezzi. E infatti c’e’ pienamente riuscito. “Postcards…” piace alla gente che piace, alle zie e agli agenti immobiliari. Non esattamente il pubblico di “Generation Terrorists” e forse proprio il pubblico contro cui “The Holy Bible” lanciava pesanti invettive al ritmo di un hard-rock quasi glam, quasi pop, quasi molto altro.

Non è un album politico, non è un album di ‘heavy metal motown’ (Nicky Wire: per favore…), non è una delusione e non è un capolavoro. Allora cos è? Un gran bel disco.
Aspettarsi la coerenza da una rock band, d’altronde, è come pensare che la bontà salverà il mondo e dunque ben vengano le elucubrazioni pop di “(It’s Not War) Just The End Of Love”, l’anelito gospel della title-track e di una “Golden Platitude” prevedibile ma tremendamente efficace, fieramente costruita per piacere.

Svanita la rabbia, il violento candore, l’ingenua fierezza degli esordi, ci resta una grandissima band che ha dimenticato come scrivere inni generazionali (“A Design For Life”) ma anche solamente hit (“If You Tolerate This…”) che avessero una profondità, una pesantezza tali da sollevarli al di sopra di una mera classifica. La peggior crisi economica dal ’29 ha colpito ancora e ci regala, invece, una colonna sonora per agenti immobiliari con un cuore e una ragazza da portare fuori la sera mentre “A Billion Balconies Facing The Sun” suggerisce che è tempo di alzare il volume dell’autoradio e non farsi troppe domande, di godersi l’attimo e buttare via il resto.

Duff McKagan (un riferimento al vecchio parallelo tra i Manics e i Guns ‘n’ Roses ?), Ian McCulloch e John Cale contribuiscono poco o niente al suono di una band che sapeva da prima di scriverlo come sarebbe andato a finire quest’album. E quindi la festa può cominciare. Gli invitati sono tanti ma l’occasione merita, eccome. Si celebra la morte di una rock band e la nascita di un gran bel pop.
L’album ? Bellissimo. Davvero.

Tracklist
1. (It’s Not War) – Just The End of Love
2. Postcards From A Young Man
3. Some Kind of Nothingness
4. The Descent – (Pages 1 & 2)
5. Hazleton Avenue
6. Auto-Intoxication
7. Golden Platitudes
8. I Think I’ve Found It
9. A Billion Balconies Facing The Sun
10. All We Make Is Entertainment
11. The Future Has Been Here 4 Ever
12. Don’t Be Evil
 
 

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...

Cub Sport – Like Nirvana

Vengono da Brisbane (Australia) i Cub Sport, tre album alle spalle e una storia ancora più lunga: fondati nel 2010 da Tim Nelson prima col ...

Kid Francescoli – Lovers

Ebbene sì, Kid Francescoli prende il suo moniker proprio dal noto centrocampista uruguyano che negli anni ’90 ha giocato a Cagliari e a ...

Winter – Endless Space ...

Questa volta la nostra Samira Winter fa davvero centro. Il nuovo album della fanciulla di origini brasiliane, ma residente in America, ...