banner

JUSTIN TOWNES EARLE
Harlem River Blues

13 dicembre 2010

TAGS: ,

Ho sempre riposto una gran fiducia nell’autunno, nonostante il debito di luce che porta con sè. Le prime pioggie, quando non sei ancora abituato al cambiamento, trascinano un maggior carico di fango, ma allo stesso tempo aumentano il piacere contemplativo delle varie tonalità di grigio che schizzano in cielo. E con l’autunno inoltrato ho sempre sperato in un colpo di coda dell’anno musicale in corso, nell’ultimo regalo capace di squarciare ulteriormente i miei umori brumosi e porre le cose su un piedistallo prima di farle precipitare inesorabilmente.

Ascoltare un disco è come concedersi una piccola fuga, di quelle che non si specchiano nella codardia, ma che rigenerano come un sano ‘vaffanculo’ a tutto quello che non ci piace. Ancora una volta la mia fiducia è stata ripagata pienamente, da quando nelle casse del mio lettore girano i quattro accordi delle canzoni di Justin Townes Earle, figlio di quello Steve che, se non lo conoscete, è meglio che infiliate la vostra testa sotto un metro di sabbia.

Che volete che vi dica di “Harlem River Blues” che non sia stato già detto per migliaia di dischi di folk americano? E’ esattamente quell’album senza tempo che tutti abbiamo ascoltato tante volte, classico fino al midollo e che non porta niente di nuovo nelle larghe maglie della musica contemporanea. Però si porta dietro piccolo grandi storie quotidiane, divertenti ballate da cantare attorno ad un fuoco e piccoli esempi di modernatiato folk dal sapore agrodolce e dalle tinte calde. A suo modo perfetto, con una scrittura solida quanto i monti Appalachi, immerso in quella sensazione che resta ai margini tra un groppo in gola di pura malinconia e la gioia di vivere.

Justin ha tirato fuori dal cilindro la perfetta colonna sonora di ogni foglia marrone che calpesteremo durante l’autunno. La fiducia nelle stagioni di passaggio è sempre ben ripagata.

Harlem River Blues
[ Bloodshot - 2010 ]
Similar Artist: Ryan Adams, Grant-Lee Phillips, Steve Earle

Rating:

1. Harlem River Blues
2. One More Night In Brooklyn
3. Move Over Mama
4. Working For The MTA
5. Wanderin’
6. Slippin’ And Slidin’
7. Christchurch Woman
8. Learning To Cry
9. Ain’t Waitin’
10. Rogers Park
11. Harlem River Blues (reprise)

Ascolta “Harlem River Blues”

 

Articoli Correlati:

3 commenti »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…