banner

TOP 10 ALBUM 2010 di Matteo “matteb83″ Benni

16 dicembre 2010

TAGS:

Altri dieci
His Clancyness – Always Mist
Owen Pallett - Heartland
Robyn - Body Talk
LCD Soundsystem – This Is Happening
Foals – Total Life Forever
Jónsi – Go
Lali Puna – Our Inventions
Los Campesinos! - Romance Is Boring
Teenage Fanclub - Shadows
Gorillaz – Plastic Beach

Indie Top Ten, decima posizione

#10) Laura Veirs

July Flame [Raven Marching Band]

L’altro disco dell’estate, quello più rilassato e riflessivo, ma sempre solare. Folk country cantautoriale che non sbaglia una virgola e ammalia senza strafare. Che sia solo voce e chitarra o con tutti gli strumenti necessari, Laura Veirs è capace di far brillare la propria semplicità come pochi altri sanno fare.

Indie Top Ten, nona posizione

#9) Allo Darlin’

Allo Darlin’ [Fortuna POP!]

Amore a prima vista. Prima dal vivo e poi su disco. Un album indie pop, niente di più niente di meno, che fa proprio della mancanza di pretese il suo punto di forza. Semplice, immediato, capace di fermarsi con grazia un attimo prima di cadere nell’eccesso di glucosio. Un pugno di canzoni per sorridere un po’.

Indie Top Ten, ottava posizione

#8) Broken Bells

Broken Bells [Columbia]

Sapete quei dischi che li ascolti e pensi: Carino, ma niente di incredibile? Poi lo riascolti e lo riascolti ancora e ancora. E ancora. E ogni volta che scorri i nomi sullo schermo del lettore mp3, indeciso più che mai, finisci per scegliere sempre quello? Ecco.

Indie Top Ten, settima posizione

#7) Vampire Weekend

Contra [XL]

Uno dei problemi di queste classifiche è che i dischi che escono nei primi mesi dell’anno sono spesso dimenticati, sommersi da valanghe di uscite e di ascolti successivi. Quelli che resistono, però, quelli che arrivano intatti nel ricordo fino al dicembre successivo hanno evidentemente qualcosa in più di molti altri. Onore dunque ai Vampire Weekend e al loro ottimo secondo disco.

Indie Top Ten, sesta posizione

#6) The Drums

The Drums [Island]

Il disco dell’estate. Nettamente. Nonostante il successone “Let’s Go Surfing” fosse già la canzone dell’estate scorsa. Il biondino e gli altri tre newyorkesi si sono confermati autori di melodie e musiche irresistibili, nel loro curioso incrocio tra il pop più spudorato dei 60’s e i suoni secchi della new wave.

Indie Top Ten, seconda posizione

#5) Four Tet

There Is Love In You [Domino]

Perché Caribou è bravo, intendiamoci. Molto bravo. Ma il suo disco, tutto, dall’inizio alla fine, ho sempre fatto fatica ad ascoltarlo. Con questo, invece, nessun problema. La buona vecchia elettronichina di Four Tet con l’aggiunta di un piglio più dritto e diretto. Una formula che non riesce proprio a stancarmi.

Indie Top Ten, prima posizione

#4) Arcade Fire

The Suburbs [Merge]

Se sei fortunato, a un certo punto arriva qualcuno o qualcosa a farti alzare la testa e guardare un po’ più in là. A dirti senza troppi giri di parole che è ora di saltare fuori dal tuo mondo sempre più piccolo e impegnarti, se vuoi riuscire a combinare qualcosa. Non è facile, ci vogliono pazienza e attenzione, ma alla fine non ci saranno rimpianti. “The Suburbs” è quel qualcuno o qualcosa.

Indie Top Ten, terza posizione

#3) Shout Out Louds

Work [Merge]

Spogliati e ridotti all’osso. La band svedese lascia da parte gli orpelli pop e gioicosi dei primi due album e pubblica il suo disco più secco e ombroso. Non scompaiono però le melodie infallibili e uno stile che tiene insieme tante cose ma finisce sempre per essere unico.

Indie Top Ten, quinta posizione

#2) The National

High Violet [4AD]

All’inizio non ero convinto, qualcosa mi sembrava fuori fuoco. E’ solo quando anche le canzoni in secondo piano (“England”, “Little Faith”, “Runaway”) si sono mostrate per quello che sono – profonde, magnifiche – che l’album è diventato imprescindibile.

Indie Top Ten, prima posizione

#1) The Radio Dept.

Clinging To A Scheme [Labrador]

E’ strano decidere il disco dell’anno con qualcosa come otto mesi di anticipo. E’ la prima volta che mi capita. Ricordo benissimo: in un giorno ancora freddo di metà primavera, concluso l’ennesimo ascolto, ho deciso. E’ questo, è bellissimo, è perfetto. Niente di ciò che è uscito in seguito è stato capace di farmi cambiare idea.

ASCOLTA ALCUNE TRACCE ESTRATTE DALLA NOSTRA CLASSIFICA:

Laura Veirs – “I Can See Your Tracks”

Allo Darlin’ – “Woody Allen”

Broken Bells – “October”

Vampire Weekend - “Holiday”

Four Tet – “Angel Echoes”

Arcade Fire – “The Suburbs”

Shout Out Louds - “Work”

The National – “Conversation 16″

The Radio Dept. – “Heaven’s On Fire”

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…