banner

TOP 10 ALBUM 2010 di Claudia Durastanti

20 dicembre 2010

TAGS:

Ci sono alcune costanti in questa classifica: la prima è il rifiuto dei nuovismi. Perché il valore di un disco deve essere direttamente proporzionale allo stupore che è in grado di suscitare?
A questo stadio delle loro vite da uomini, prima ancora che da artisti, credo che i The National e gli Arcade Fire non potessero fare di meglio. Warpaint, Zola Jesus, Micah P. Hinson, posso stilare l’elenco delle loro matrici con precisione millimetrica, questo non li rende meno bravi o autentici. L’altra costante è la sindrome da drive-thru o nullafacenza da parcheggio che mi assale quando ascolto The Radio Dept, Superchunk e Deerhunter. La terza costante è il pudore necessario per rapportarsi al confessionale Gil-Scott Heron e all’imbarazzante complessità dell’ultimo Sufjan Stevens. Due canzoni su tutte (no, non c’è “Mama I Wanna Go Surfin’”): “The Motion Makes Me Last” degli Eluvium per il vostro finale di puntata e “Cousins” dei Vampire Weekend, ovvero la demenzialità che fa bene.

Buon congedo dal 2010, nella rassicurante carezza del sempre uguale.
Avvertenza: non sono io, a spiegare il perché di questi dischi.

Indie Top Ten, decima posizione

#10) Gil Scott-Heron

I’m New Here [XL]

“…il pensiero che un giorno potessi guardarmi alle spalle, pensare alla mia vita e dire ho mandato tutto a puttane era terribile. Così ho comprato una macchina da scrivere, anche se non sapevo cosa farci… Volevo e DOVEVO fare qualcosa” (Hubert Selby Jr.)

Indie Top Ten, terza posizione

#9) Micah P. Hinson

And the Pioneer Saboteurs [Full Time Hobby]

“Questi, in realtà, sono pensieri d’ogni uomo in ogni epoca e luogo, non nascono con me/ Se non sono vostri quanto miei non sono niente, o quasi niente/ Se non sono l’enigma o la sua soluzione non sono niente/ Se non vi sono vicini quanto sono distanti non sono niente”
(Walt Whitman)

Indie Top Ten, ottava posizione

#8) Superchunk

Majesty Shredding [La Tempesta]

“E’ difficile per una band restare sulla scena, perché la gente invecchia, e la cosa non ti ripaga mai. Quindi se pensi a qualche forma di ricompensa, beh, sappi che non accadrà”
(Thurston Moore)

Indie Top Ten, seconda posizione

#7) Deerhunter

Halcyon Digest [4AD]

“Utilizzando le tecnologie date, uno potrebbe anche accettare i limiti creativi segnati dall’inventore della tecnologia, ma mi piace credere che la mia creatività sia altrove rispetto a quella dell’ingegnere, per quanto sia grande il mio rispetto per i fabbricanti di strumenti. La mia reazione a questo stato di cose consiste nel guardare al passato e continuare l’aggiornamento di alcune tecnologie marginalizzate o dimenticate”
(Vuk Cosic)

Indie Top Ten, seconda posizione

#6) Zola Jesus

Stridulum II (EP) [Sacred Bones]

“Occorre portare il fardello dell’influenza se si vuole conquistare e riconquistare un’originalità significativa… la tradizione è anche un conflitto tra il genio passato e l’aspirazione presente, un conflitto il cui premio è la sopravvivenza”
(Harold Bloom)

Indie Top Ten, seconda posizione

#5) Sufjan Stevens

The Age of Adz [4AD]

“I cuori non saranno mai pratici, a meno che qualcuno non li renda indistruttibili”
(Il Mago di Oz)

Indie Top Ten, prima posizione

#4) The Radio Dept.

Clinging To A Scheme [Labrador]

“E’ un tristissimo Dovunque in cui i cittadini si ritrovano continuamente licenziati dai loro posti come commessi di 7-Eleven” vs “Non riesco neanche a ricordarmi quante persone mi hanno detto di aver avuto la crisi di mezz’età durante la gioventù”
(Andy – “Generazione X”)

Indie Top Ten, nona posizione

#3) Arcade Fire

The Suburbs [Merge]

“L’entusiasmo degli urbanisti per la segregazione dei vari aspetti della vita quotidiana è una storia vecchia. La strategia che ha separato la campagna dalla aree residenziali, e queste da tutto il resto, ha risultati drammatici… perché la segregazione, adesso, vale per qualsiasi altra cosa”
(Suburban Nation)

Indie Top Ten, seconda posizione

#2) Warpaint

The Fool [Rough Trade]

“Remember me telling you about that mystery man? Well…”
(Laura Palmer)

Indie Top Ten, quinta posizione

#1) The National

High Violet [4AD]

“Lui le aveva svelato il suo modo di parlare, ciò in cui credeva e le sue abitudini, i nomi di sua padre e sua madre. Avendo fatto ciò, non c’era più alcun bisogno di metterle le mani addosso. Ora erano parte l’uno dell’altra”
(Lyle e Pammy – “Giocatori”)

ASCOLTA ALCUNE TRACCE ESTRATTE DALLA NOSTRA CLASSIFICA:

The National – “Conversation 16″

Gil Scott-Heron – “New York City”

Micah P. Hinson - “Watchers, Tell Us Of The Night”

Superhunk – “Digging For Something”

Deerhunter – “Helicopter”

Zola Jesus – “Night”

Sufjan Stevens – “Too Much”

The Radio Dept. – “Heaven’s On Fire”

Arcade Fire – “The Suburbs”

Warpaint – “Undertow”

 

Articoli Correlati:

6 commenti »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…