TOP 10 ALBUM 2010 DI CRISTINA BERNASCONI

 
Tags:
24 dicembre 2010
 
Indie Top Ten, quinta posizione

#10) The Gaslight Anthem

American Slang [Side One Dummy]

Un disco imperfetto, ma che sprigiona passione da ogni nota, quella passione che ci fa tanto amare la musica e che ci fa venire voglia di stare sotto a un palco a cantare, saltare e sudare. Ben vengano i dischi che fanno provare questa sensazione. Ben vengano i dischi dei Gaslight Anthem, ora e sempre.

Indie Top Ten, terza posizione

#9) Ministri

Fuori [Universal]

Figli educati con le scarpe ancora bianche, io le sporcavo per sembrare un po’ più interessante. Basterebbe “Vestirsi Male” per mettere tutti a tacere. I Ministri raggiungono la forma canzone nel senso più classico del termine. Una piccola perla nel rock italiano.

Indie Top Ten, ottava posizione

  • BUY HERE

#8) Villagers

Becoming A Jackal [Domino]

A vederlo, Conor O’Brien sembra un ragazzino delle medie un po’ sfigatino, ma in realtà è uno degli autori migliori che abbiano pubblicato qualcosa quest’anno. I Villagers partono dall’Irlanda e arrivano alla nomination per il Mercury Music Prize. Meritatamente. “Becoming a Jackal” è un disco pieno di chitarre, di giri di piano, di melodie, è un disco delicato e semplicemente adorabile.

Indie Top Ten, ottava posizione

#7) Field Music

Measure [Memphis Industries]

I fratelli Brewis riconfermano la loro genialità riuscendo a snocciolare, ancora una volta, gioiellini pop dalle melodie semplici e impeccabili. Attentissimi a ogni singolo dettaglio e capaci di sviluppare l’idea di base di ogni singola canzone in diverse parti che si incastrano perfettamente tra loro.

Indie Top Ten, ottava posizione

#6) Broken Records

Let Me Come Home [4AD]

Non posso farci niente, amo questo disco sempre di più ogni volta che lo ascolto e non vorrei mai che finisse. Cattura la mia attenzione come pochi altri hanno saputo fare quest’anno e quando arrivo alla fine ho sempre voglia di schiacciare play. Ancora e ancora. E quella “A Darkness Rises Up” è l’asso pigliatutto.

Indie Top Ten, settima posizione

#5) Vampire Weekend

Contra [XL]

Come si fa a non voler bene ai Vampire Weekend, soprattutto dopo averli visti dal vivo? Questo disco contiene alcune delle canzoni più belle e divertenti dell’anno, è un disco che rallegra l’atmosfera, che colora una giornata grigia e che fa tornare in mente tanti ricordi. Una volta che ti conquista, per “Contra” è amore vero.

Indie Top Ten, seconda posizione

  • BUY HERE

#4) Stornoway

Beachcombers Windowsill [4AD]

Portati dall’onda sollevata dai Mumford And Sons? Forse. Ma chissenefrega. Gli Stornoway hanno prodotto un disco semplicemente irresistibile, di quelli che non ci si stanca mai di ascoltare, di quelli di cui ti innamori al primo ascolto, entri nel tunnel e non ne esci più.

Indie Top Ten, ottava posizione

#3) Paul Weller

Wake Up the Nation [Island]

Purtroppo al mondo esiste gente che non sa chi sia Paul Weller e non sa cosa si sta perdendo. La classe, l’esperienza, la saggezza musicale. Lo ascolti e lo riascolti e ogni volta trovi un dettaglio che al precedente ascolto ti era sfuggito. Dopo più di trent’anni di carriera Paul Weller riesce ancora a produrre dischi eccelsi. Giù il cappello.

Indie Top Ten, quinta posizione

#2) The National

High Violet [4AD]

Non so nemmeno da che parte iniziare. Un disco che lascia senza parole, senza fiato, con le lacrime agli occhi, che colpisce dritto al cuore, lo spacca in più pezzi e poi li rimette insieme, l’abbraccio che aspettavi, le parole giuste. Le Canzoni con la c maiuscola, quelle che senti tue, quelle che emozionano davvero.

Indie Top Ten, prima posizione

#1) Arcade Fire

The Suburbs [Merge]

Una top ten dettata dal cuore non può che avere al primo posto il disco che il cuore, riesce a riempirtelo più di tutti gli altri. Non ha senso parlarne. “The Suburbs” va ascoltato e basta. Rasenta la perfezione. Cinque stelle. Dieci su dieci. Lode e bacio accademico.

ASCOLTA ALCUNE TRACCE ESTRATTE DALLA NOSTRA CLASSIFICA:

The Gaslight Anthem – “Old Haunts”

Villagers – “Becoming A Jackal”

Broken Records – “A Leaving Song”

Vampire Weekend – “Holiday”

Stornoway – “Zorbing”

Paul Weller – “Fast Car / Slow Traffic”

The National – “Conversation 16”

Arcade Fire – “The Suburbs”

  • molti punti di contatto con i miei preferiti…ottima! vedo con piacere Villagers e Broken Records, grandi outsiders, e passerò al recupero di Stornoway!

 

Oggi “Down Two Then ...

“Down two then left” è un album con una disco ritmata, di classe, che ti porta fuori dalla discoteca facendoti errare per le ...

L’Attimo Fuggente 6 Novembre ...

01. 5×7: Math And Physics Club – All The Mains Are Down 02. 5×7: Blushing – Weak 03. 5×7: Weather Balloons – Ghost ...

Oggi il Rolling Stone compie 50 ...

Stampaprint, azienda leader in Europa nel settore della stampa online, celebra con una nuova infografica lo storico magazine che oggi, 9 ...

Oggi “Transformer” di ...

Non si può pensare a “Transformer” senza pensare al campanaccio e a quegli interventi fastidiosi di zanzara presenti in ...

Oggi “Secrets of the ...

Il 7 novembre del 1987 uscì “Secrets of the Beehive”di David Sylvian. Un album che ti fa sentire profondo ed ossessionato alla ...