banner

TOP 10 ALBUM 2010 di Gianluca Ciucci

26 dicembre 2010

TAGS:

Indie Top Ten, settima posizione

#10) Vampire Weekend

Contra [XL]

Disco fresco e potabile, pop, infatti ha venduto anche bene. I Vampire Weekend propongono la loro musica fatta di elementi afro, reggae e ska a creare melodie semplici eppure accattivanti da accompagnare a liriche creative. Insomma alla seconda prova questi giovani ex studenti della Columbia hanno creato un loro stile e ci piace.

Indie Top Ten, seconda posizione

#9) LCD Soundsystem

This Is Happening [DFA]

James Murphy è l’eroe di quelli che credono che “indie” non voglia dire solo folk, umori neri e lentezza; è pure l’eroe di quelli che preferiscono mostrare le proprie spillette piuttosto che muovere le chiappe. Pazienza, perché Murphy è un grande conoscitore della musica che è girata attorno negli ultimi 25 anni e sforna dischi divertenti, da ballo ma che soddisfano pure coloro che non vogliono spegnere il cervello mai.

Indie Top Ten, ottava posizione

#8) Uochi Toki

Cuore, Amore, Errore, Disintegrazione [La Tempesta]

Stavolta hanno esagerato: i titoli che si uniscono e formano una frase di senso compiuto, le liriche come fiumi in piena ricche di metafore e citazioni/autocitazioni, esperienze extracorporee, magia nera e magia bianca. Tutto racchiuso in un disco che è magma puro dove le rivelazioni più intime si fondono con gli scoppi di rabbia più duri; un disco difficile, in cui perdersi e dal quale venire frastornati. La via di Napo e Rico al rap non è certo controcultura, semmai è controvita.

Indie Top Ten, ottava posizione

#7) Black Mountain

Wilderness Heart [Jagjaguwar]

Terzo album per i Black Mountain ed è già un classico. Folk e rock come se piovesse, certo manca la vena psych e più sperimentale delle due prove precedenti ma qui le melodie restano impresse nella mente dell’ascoltatore, i suoni colpiscono al cuore e tutto scorre con grande piacevolezza, coolness e l’inevitabile mestiere.

Indie Top Ten, terza posizione

#6) Micah P. Hinson

And the Pioneer Saboteurs [Full Time Hobby]

Micah è diventato grande e ci consegna l’opera della maturità. Sono parole difficili da scrivere per un ragazzo di appena trent’anni ma parlano i fatti di un disco dove i suoni si fanno più soffusi e studiati, la voce meno urlata senza perdere un grammo di carisma. Siamo di fronte all’erede di una tradizione americana che va da Bob Dylan a Johnny Cash, di mostri sacri che non spaventano più il grande Micah P. Hinson.

Indie Top Ten, decima posizione

#5) Massimo Volume

Cattive Abitudini [La Tempesta]

Parlo del ritorno dei Massimo Volume con una certa emozione perché la mia è stata una passione decennale nutritasi dell’assenza. Oggi i vecchi ragazzi capitanati da Emidio Clementi danno alle stampe un album potente e malinconico; lo stile è quello dei giorni migliori affinato dagli anni che segnano i volti ma non l’ispirazione.

Indie Top Ten, seconda posizione

#4) The Vaselines

Sex With An X [Sub Pop]

Band di culto già venti anni fa, i Vaselines tornano a stampare un disco nel 2010 e nessuno se lo sarebbe aspettato ma ci sottopongono un’opera che è manuale di pop da tramandare alle generazioni successive. Già visti dal vivo in un memorabile concerto al ”Primavera Sound” 2009, i Vaselines dimostrano di non avere nulla da invidiare alle nuove leve del pop.

Indie Top Ten, decima posizione

#3) Gil Scott-Heron

I’m New Here [XL]

Altro ritorno sorprendente e di valore superiore. Gil Scott-Heron, 60 anni vissuti pericolosamente, torna a far sentire la sua voce, che una volta era davvero importante nel movimento nero americano. L’autore di album e libri leggendari dichiara di essere nuovo qui e ha ragione, perché molto è cambiato negli Stati Uniti e nel mondo intero ma la voce di Gil suona ancora fondamentale.

Indie Top Ten, terza posizione

#2) Iosonouncane

La Macarena Su Roma [Trovarobato]

Miglior esordio discografico dell’anno a mio parere. Dopo centinaia di ascolti riesce ancora a sorprendermi la capacità di fotografare un paese, il nostro, in declino, annotandone tutti i tic e le debolezze senza risultare mai verboso o noioso, anzi divertendo con stralunata ironia.

Indie Top Ten, prima posizione

#1) The Radio Dept.

Clinging To A Scheme [Labrador]

Fuoriclasse assoluti. Il suono dei Radio Dept. è ormai un classico della musica contemporanea. Mai sentita una canzone meno che fondamentale e questo album non è da meno. Dieci brani meravigliosi e una chiusura da lacrime. Perfetti. Grazie.

ASCOLTA ALCUNE TRACCE ESTRATTE DALLA NOSTRA CLASSIFICA:

Vampire Weekend - “Holiday”

Uochi Toki – “Permettendomi Artifici Spontanei”

Black Mountain – “Hair Song”

Micah P. Hinson – “Watchers, Tell Us Of The Night”

The Vaselines – “I Hate the 80’s”

Massimo Volume – “Litio”

Gil Scott-Heron – “Me And The Devil”

Iosonouncane – “Il Sesto Stato”

The Radio Dept. – “Heaven’s On Fire”

 

Articoli Correlati:

4 commenti »

Ultime recensioni

Ruins

GROUPER
Ruins

I’m happy for any emotion to present itself in a song, and to give…

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…