banner

TOP 10 ALBUM 2010 di Emanuele “kingatnight” Chiti

28 dicembre 2010

TAGS:

Indie Top Ten, prima posizione

#10) Baustelle

I Mistici Dell’Occidente [Warner]

Il miglior disco dei Baustelle dai tempi della “Malavita”. E a chi li prende in giro provateci voi a scrivere “La Canzone della Rivoluzione” o “Follonica”, poi ne riparliamo.

Indie Top Ten, terza posizione

#9) Iosonouncane

La Macarena Su Roma [Trovarobato]

Se il mondo fosse più bello tanti giovani ascolterebbero lui e non qualche altro “cantautore degli anni zero” oramai in fase (artistica) più che discendente. Un Captain Beefheart della canzone italiana, tutto e il contrario di tutto, sampler, spoken word, testi che sono davvero il riflesso di questa Italia grigia.

Indie Top Ten, decima posizione

#8) Autolux

Transit Transit [ATP]

Uno dei dischi più sottovalutati dell’anno, tra Sonic Youth, kraut e rimandi grunge. Come a dire che quegli anni ’00 che ci hanno dato tanti figli e figliastri di My Bloody Valentine e Jesus & Mary Chain non sono stati del tutto inutili, almeno in ambito rock.

Indie Top Ten, seconda posizione

#7) Four Tet

There Is Love In You [Domino]

E questo si chiama un capolavoro totale. Giochi di luce, di colore, di suoni e di ombre che vengono proiettati su una pellicola fatta scorrere con la musica. Kieran Hebden ha sempre fatto sul serio e quest’anno ha deciso di dare il meglio di sé , forgiando un disco che sprizza felicità da ogni nota pur rimanendo fedele ad un songwriting geniale e che tutto il mondo della sedicente indietronica gli invidia, nonostante ciò che faccia sia tutt’altro. Genius.

Indie Top Ten, seconda posizione

#6) Tame Impala

Inner Speaker [Modular]

Il miglior debutto dell’anno, almeno in ambito psych-rock. Idoli in patria (Australia) dove sono arrivati in quarta posizione nelle classifiche di vendita. Autori di un rock dreamy, tra i primi Flaming Lips, gli Spacemen 3 più circolari e gli Yes, assolutamente da seguire in futuro e magari gustare dal vivo.

Indie Top Ten, quinta posizione

#5) The National

High Violet [4AD]

Matt Berninger sa scrivere gran belle canzoni. Quelle di “High Violet” magari meno d’impatto rispetto a quelle di “Boxer” ma abbinate alle chitarre sporche, i controtempi continui della batteria, le tastiere, le orchestrazioni varie danno una resa notevole. La migliore band pop rock dai tempi dei primi Interpol?

Indie Top Ten, seconda posizione

#4) Mike Patton

Mondo Cane [Ipecac]

Ci voleva Mike Patton per dare una giusta gratificazione a livello internazionale anche a livello critico della tradizione musicale italiana più classica, quella che accontenta e piace a tutti, dalla famosa massaia di Voghera in giù. E con Asso Stefana alla chitarra ed altri ospiti d’eccezione è uscito fuori un lavoro davvero convincente.

Indie Top Ten, decima posizione

#3) John Grant

Queen Of Denmark [Bella Union]

Ex leader dei Czars, John Grant ci regala un grande album di canzoni tra il folk, il rock seventies, l’intimismo, grazie ai Midlake che, dopo aver sentito i pezzi del nostro dal vivo, hanno capito che sarebbe stato un vero peccato lasciare andare nel dimenticatoio materiale del genere. Una bella riscoperta.

Indie Top Ten, decima posizione

#2) Aloe Blacc

Good Things [Stones Throw]

Una delle proposte più interessanti quest’anno della Stones Throw, un ritorno alla black più sentita, vera carica emozionale pronta ad esploderti in faccia. Funky, sixties, una grandissima voce e carisma, una produzione notevole e una notevole ispirazione.

Indie Top Ten, seconda posizione

#1) Deerhunter

Halcyon Digest [4AD]

Il disco della consacrazione per Bradford Cox e la sua creatura Deerhunter, capace di portare ad un livello ancora più evoluto gli standard già altissimi di “Cryptograms” e “Microcastle”. Indie-rock totale, roba che già al secondo ascolto sai essere un classico. E chi scrive cose come “Desire Lines” e “He Would Have Laughed” merita solo applausi.

ASCOLTA ALCUNE TRACCE ESTRATTE DALLA NOSTRA CLASSIFICA:

Iosonouncane – “Il Sesto Stato”

Four Tet – “Angel Echoes”

Tame Impala – “Alter Ego”

Mike Patton – “20 km Al Giorno”

The National – “Conversation 16″

John Grant – “I Wanna Go To Marz”

Aloe Blacc - “I Need Dollar”

Deerhunter – “Helicopter”

 

Articoli Correlati:

8 commenti »

Ultime recensioni

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…

Manuale Per Funamboli

MOLE MOONWALKTET
Manuale Per Funamboli

Il bellunese Andrea Riva, in arte Mole, è ormai una presenza fissa di queste…