CLERVILLE
Killing Polar Bears

 
Tags:
 
29 dicembre 2010
 

Giunti alla terza fatica discografica in carriera, i catanesi Clerville hanno deciso di deliziare gli amanti delle sonoritá dilatate nel spazio e nel tempo con un lavoro che cita con eleganza i maestri del genere strumentale pur mantenendo una propria identitá personale: memorie passate e fascinazioni presenti si fondono in un caldo abbraccio dove espressività e qualità non abbandonano mai l’ascoltatore.

”Killing Polar Bears” è un viaggio in un mondo labirintico dove coabitano suadenti chitarre e tensioni emotive dall’impatto sonoro notevole. Trame circolari si alternano a campionature di dialoghi o monologhi in un’opera corposa, movimentata ed al tempo stesso riflessiva, dove il tempo sembra fermarsi ed i richiami del passato possono finlamente sprigionare il proprio potere evocativo. Tra i momenti più ispirati citiamo la fragile nostalgia di ”667” e la conclusiva ”Gli Anni ’70 Sono Finiti Da Un Pezzo”, un turbinio di note e colori che non lascia assolutamente indifferenti.

Fluido nelle dinamiche senza perdersi in inutili cerebralismi, l’album della formazione siciliana è pura manna dal cielo per gli amanti della musica strumentale. Un disco che non solo convince ma capace anche di suscitare forti sensazioni al riguardo. Dopo tanta asfissia finalmente una sana boccata d’aria.

Cover Album
Killing Polar Bears
[ Seahorse – 2010 ]
Similar Artist: Mogwai, Giardini di Miró prima maniera

Rating:

1. When I Was An Angel
2. Telkens Weer
3. Bubble Grass
4. Killing Polar Bears
5. 667
6. Gli Anni ’70 Sono Finiti Da Un Pezzo

Tracklist
 
 

Villagers – Darling ...

Una giornata qualsiasi e senza pretese può caricarsi di emozioni e sensazioni. E questa l’impressione…

Jesse Malin – New York Before ...

Ho incrociato Jesse Malin ai tempi di “The Fine Art Of Self Destruction” nel 2003,…

Lonelady – Hinterland

C’è una donna che cammina, da sola, per le vie di Manchester. Cercando quei luoghi…

Polar Bear – Same As You

Eleganti e raffinati come pochi nel panorama del jazz contemporaneo che si affranca da marchingegni…

Carl Barât And The Jackals – ...

Inutile girarci attorno: se Carl Barât non avesse mai incontrato Pete Doherty, sarei qui a…