THE DECEMBERISTS
The King Is Dead

 
Tags:
 
10 Gennaio 2011
 

Nella musica dei The Decemberists ci sono sempre entrato a metà, conquistato dalla voce di Colin Meloy, mai conquistato a fondo dalle architetture delle loro canzoni. Il fatto è che ho sempre avuto una propensione ad amare le cose più semplici e, quando hai una voce così emotiva, non hai bisogno di complicarti le cose per fare un bel disco. Opinione personalissima la mia, ma il dato di fatto è che a questo giro la band ha scelto la via del folk acustico, dando alle stampe il disco più semplice che potessero pensare.

Trattasi di un lavoro a suo modo piacevolmente ‘subdolo’ che riesce, pur non regalando momenti particolarmente memorabili, a ritagliarsi un numero elevato di ascolti senza stancare. Influente, ma non poteva andare diversamente, la presenza di Peter Buck dei R.E.M. come ospite alla chitarra; praticamente “Calamity Song” sembra presa in prestito dal catalogo sommerso della band di Athens nel periodo “Murmur/Green”. La stessa cosa accade, anche se in tono minore, negli episodi in cui la chitarra elettrica è più in evidenza, come in “Down By The Water”; per il resto, la prospettiva è molto più vicina al folk classico di un Neil Young.

“The King Is Dead” lascerà probabilmente perplessa una grossa fetta dei fan della prima ora, come è fisiologico che accada nel percorso artistico di una band abbastanza influente. Non siamo al cospetto di un disco clamoroso, ma dopo le derive quasi prog del precedente capitolo c’è da restare più che ottimisti. Il Re è morto e nemmeno ce ne siamo accorti.

Cover Album

The King Is Dead
[ Rough Trade – 2011 ]
Similar Artist: R.E.M., Neil Young, The Long Winters

Rating:

1. Don’t Carry It All
2. Calamity Song
3. Rise To Me
4. Rox In The Box
5. January Hymn
6. Down By The Water
7. All Arise!
8. June Hymn
9. This Is Why We Fight
10. Dear Avery

Ascolta “Down By The Water”

Tracklist
 
 

Francesco Bianconi – Forever

Con i Baustelle in “fermo biologico concordato” (ipse dixit) ecco l’album solista, il primo, di Francesco Bianconi, ...

Autechre – Sign

Si è dovuto attendere sette anni per avere un vero e proprio nuovo album degli Autechre ma, in fin dei conti, ne è valsa la pena. Perché ...

The Bluebeaters – Shock!

Copertina coloratissima, una partnership con Garrincha Dischi, dodici brani inediti cantati in italiano. Ormai metabolizzata la partenza di ...

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...