BUZZ ALDRIN
S/T

 
 
12 gennaio 2011
 

Solo una nota. Un unico suono di synth, tenuto dall’inizio alla fine, sempre uguale. Una vibrazione raggelante e angosciosamente monocorde. Sale lungo la spina dorsale; percorre la schiena dal basso fino alla base del cranio, per rimanere lì, fissa, come un’ossessione. Poi le chitarre, martellanti e storte, che fanno da contrappunto ad un drumming nevrotico, teso. Voce alienata e alienante, intenta a materializzare deliri sotto acido.
Una danza tribale sotto anfetamine ambientata in una asettica metropoli post-industriale; luci al neon, cemento e asfalto.
Questa è “Giant Rabbits Are Looking At The Sun”, terza traccia di nove.
Questi sono i Buzz Aldrin, trio bolognese con alle spalle un demo autoprodotto dall’impatto di una granata al napalm.

No-Wave psicotica, il primitivismo dei Suicide, New York che incontra il post-punk dei Wire, i Velvet Underground più drogati, uno schizzo di shoegaze e diverse manciate di incubi: amalgamate il tutto ed avrete i Buzz Aldrin.
Apre il disco “Eclipse”, mantra nervoso con accompagnamento di percussioni e sei corde sferraglianti, seguito dai 97 secondi di “The Fall”, fuga schizofrenica senza esito finale. “Machine 2999,99” si regge su un drumming marziale mentre abusa selvaggiamente di un riff già dei Massive Attack. La litania funebre di “Hola Gringo” apre le porte della “White Church”: niente cori angelici, all’interno di questa chiesa sconsacrata, ma droni disturbanti che degenerano nell’apocalittica nenia di “Let’s Walk The Children Around The Space”. Il tempo di prendere una boccata di ossigeno puro ed ecco le porte degli inferi che si spalancano tra cori demoniaci e inquietanti campane (“Enter”): è la fine (“No Time/No Age (White Eyes)”), e tutto termina così come è iniziato, con un’orgia dionisiaca di loop, percussioni selvagge, riff caustici, spasmi vocali, fino all’esplosione definitiva.

Un disco da avere.
Saluti dall’inferno.

Cover Album

Buzz Aldrin
[ Ghost – 2010 ]
Similar Artist: Wire, Suicide, Teenage Jesus & The Jerks

Rating:

1. Eclipse
2. The Fall
3. Giant Rabbits Are Looking At The Sun
4. Machine 2999,99
5. Hola Gringo
6. White Church
7. Let’s Walk The Children Around The Space
8. Enter
9. No Time/No Age (White Eyes)

Ascolta “Machine 2999,99”

Tracklist
 
 

Calexico – The Thread That ...

Sono passati più di venti anni da quando la premiata coppia Burns&Convertino ha deciso di lasciare i Giant Sand di Howe Gelb, lasso di ...

Nicholas Krgovich – In An ...

Un album completo, mischia generi più classici – come blues e jazz – in una chiave alternativa, unendo tutto questo a sonorità ...

Shame – Songs Of Praise

Forse la stampa avrebbe preferito venderceli come i nuovi Libertines, magari la casa discografica stessa, ma poco importa, sicuramente pare ...

J A G U W A R – Ringthing

La prima bella sorpresa di questo 2018, in ambito shoegaze, arriva dal nuovo album dei tedeschi J A G U W A R che spingono forte ...

King Krule – The OOZ

L’infanzia di Archy Ivan Marshall, a.k.a King Krule, non è stata delle più facili, segnata com’è stata dal divorzio dei genitori e da ...