banner

BUZZ ALDRIN
S/T

12 gennaio 2011

TAGS: ,

Solo una nota. Un unico suono di synth, tenuto dall’inizio alla fine, sempre uguale. Una vibrazione raggelante e angosciosamente monocorde. Sale lungo la spina dorsale; percorre la schiena dal basso fino alla base del cranio, per rimanere lì, fissa, come un’ossessione. Poi le chitarre, martellanti e storte, che fanno da contrappunto ad un drumming nevrotico, teso. Voce alienata e alienante, intenta a materializzare deliri sotto acido.
Una danza tribale sotto anfetamine ambientata in una asettica metropoli post-industriale; luci al neon, cemento e asfalto.
Questa è “Giant Rabbits Are Looking At The Sun”, terza traccia di nove.
Questi sono i Buzz Aldrin, trio bolognese con alle spalle un demo autoprodotto dall’impatto di una granata al napalm.

No-Wave psicotica, il primitivismo dei Suicide, New York che incontra il post-punk dei Wire, i Velvet Underground più drogati, uno schizzo di shoegaze e diverse manciate di incubi: amalgamate il tutto ed avrete i Buzz Aldrin.
Apre il disco “Eclipse”, mantra nervoso con accompagnamento di percussioni e sei corde sferraglianti, seguito dai 97 secondi di “The Fall”, fuga schizofrenica senza esito finale. “Machine 2999,99” si regge su un drumming marziale mentre abusa selvaggiamente di un riff già dei Massive Attack. La litania funebre di “Hola Gringo” apre le porte della “White Church”: niente cori angelici, all’interno di questa chiesa sconsacrata, ma droni disturbanti che degenerano nell’apocalittica nenia di “Let’s Walk The Children Around The Space”. Il tempo di prendere una boccata di ossigeno puro ed ecco le porte degli inferi che si spalancano tra cori demoniaci e inquietanti campane (“Enter”): è la fine (“No Time/No Age (White Eyes)”), e tutto termina così come è iniziato, con un’orgia dionisiaca di loop, percussioni selvagge, riff caustici, spasmi vocali, fino all’esplosione definitiva.

Un disco da avere.
Saluti dall’inferno.

Buzz Aldrin
[ Ghost - 2010 ]
Similar Artist: Wire, Suicide, Teenage Jesus & The Jerks

Rating:

1. Eclipse
2. The Fall
3. Giant Rabbits Are Looking At The Sun
4. Machine 2999,99
5. Hola Gringo
6. White Church
7. Let’s Walk The Children Around The Space
8. Enter
9. No Time/No Age (White Eyes)

Ascolta “Machine 2999,99″

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…