ELLIOTT SMITH
An Introduction To…

 
Tags:
 
12 gennaio 2011
 

Il primo impatto che si ha nei confronti di una compilation, in particolar modo quelle postume come questa, è quella di figurarsi un bieco tentativo di fare cassa con chi non è più in grado di farlo da vivo. Se ci si trova davanti a quei bellissimi cofanettoni deluxe, che sono sempre più uno dei motivi principali per i quali i feticisti dell’oggetto disco continuano a comprare, magari questa sensazione rimane: si sa, la curiosità di ascoltare sulle casse dello stereo questo live o quell’outtake è irresistibile…

In questo caso però facciamo (finta) di fidarci delle buone intenzioni della Kill Rock Stars che nella press release ha scritto che “An Introduction To…Elliott Smith” è “una letterale introduzione ad uno dei più grandi cantautori della nostra epoca, nella speranza di far conoscere alle nuove generazioni la musica di Elliott Smith e per far districare meglio gli ascoltatori nel suo catalogo immensamente soddisfacente.”

La raccolta non ci regala nulla di nuovo rispetto a ciò che conosciamo, qualche chicca c’è, ma gli ascoltatori affezionati sicuramente già la conosceranno: “Angel In The Snow” e “Miss Misery” (prima versione), già contenute nel doppio “New Moon”, un’altra raccolta di inediti registrati tra il 1994 e il 1997 e la single version di “Happiness” (da “Figure 8″). Ah, è un mix diverso di “Last Call”.

Quindi un semplice amarcord di alcuni splendidi momenti del compianto artista. Chitarra acustica sempre sottomano, poco spazio all’elettricità o alle orchestrazioni. Uno stile volutamente lo-fi, con qualche concessione in più in “XO” e “Figure 8″ (gli unici album di Smith registrati in un vero studio pagato dalla casa discografica ), dove traspare anche una certa vocazione più orientata all’uptempo che alla “bella malinconia” delle prime composizioni, a parer mio il meglio che il ragazzo ci ha lasciato.

Prendete ad esempio “Last Call” e godetene, senza leggere o guardare nient’altro, concentratevi sulla musica.
Quattro stelle per le canzoni, non per le intenzioni della label.

An Introduction To…
[ Kill Rock Stars – 2010 ]
Similar Artist: Nick Drake, Conor Oberst, Neutral Milk Hotel

Rating:

1. Ballad of a Big Nothing
2. Waltz #2
3. PIctures of Me
4. The Biggest Lie
5. Alameda
6. Between The Bars
7. Needle In The Hay
8. Last Call
9. Angeles
10. Twilight
11. Pretty (Ugly Before)
12. Angel In The Snow
13. Miss Misery
14. Happiness

Ascolta “Between The Bars”

Tracklist
 
  • http://ralphmacchioisapunkrocker.blogspot.com/ ralphmacchioisapunkrocker

    14 pezzi splendidi, ma il disco non ha granchè utilità.

    conor orbest tra gli artisti simili è un’offesa.
    similar arrtist — jackson c. frank, tim buckley, john martyn, randy newman.

 

Paul Simon – Stranger To ...

I giorni, le settimane prima che uscisse, tra estimatori e addetti ai lavori la domanda…

Afterhours – Folfiri O Folfox

È davvero difficile parlare di un album come “Folfiri o Folfox”, non solo per la…

Bibio – Mineral Love

Innamorarsi a volte è doloroso. Anche se si sa che solo gli idioti ci cascano,…

Margaret Glaspy – Emotions ...

La stampa specializzata Americana e non solo l’ha da tempo messa sotto “focus” per via…

Camp Cope – Camp Cope

Chi sono le Camp Cope; una fantastica band all female australiana, un trio effervescente chi…