banner

AUTOMELODI
S/T

14 gennaio 2011

TAGS: ,

Questo debutto degli Automelodi mi lascia un pò perplesso.
Vuoi per le aspettative proiettate sul gruppo di Montreal, vuoi per il seguito di culto che lo stile Wierd Records ha saputo meritarsi quasi religiosamente.

Le 12 tracce del cd (contando le 2 ultime bonus tracks) hanno il difetto di suonare spesso vuote, come noiosi esercizi accademici di calligrafia, patinate oltre un limite accettabile.
Certo poi se si vuol parlare di postumi Cold Wave, di tradizione Synth Pop, senza criteri discriminanti è un altro paio di maniche.
Ma nonostante i ripetuti ascolti post libagioni natalizie non trovo proprio la scintilla in “Automelodi”, a differenza per esempio di quel “Brutal Wave” dei compagni di scuderia Frank (Just) Frank, disco rivelatosi meraviglioso in toto.
Il pizzicore al culo, infatti, qua si incomincia ad avvertire solo a tracklist abbondantemente iniziata: “Rayons De Rien” è il discreto preludio a “Buanderie Jazz” forse il miglior pezzo di tutto il progetto insieme a “Rentrèe 3007” e poi è solo conta di foschie e vacui giochi di prestigio.

Ecco perché dopo un ampio proemio senza colpo ferire anche la chiusa dell’album, dunque, si rivela insipida.
Poche idee.
Poche superfici smerigliate.
Bella scatola, ma dai contenuti impalpabili.
Certo, non un disco orrido per definizione, bensì privo di un’anima propria alla fine dei giochi.
Salvo a mala pena “S’Rait Bon D’S’Revoir” in coda della tracklist, il resto è magra sufficienza a go go.

Automelodi
[ Wierd - 2010 ]
Similar Artist: Soft Cell, Charles De Goal, Trisomie 21, Visage

Rating:

1. Schéma Corporel
2. Airline
3. Rose A.D.
4. Stylo-Bille
5. Rayons De Rien
6. Buanderie Jazz
7. Rentrée 3007
8. Pression
9. Employé Terne
10. Limite Malade
11. S’Rait Bon D’S'revoir*
12. L’Écran De Fumée

Ascolta alcude tracce di “Limite Malade”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…