M.I.A.
Vicki Leekx

[ N.E.E.T. - 2011 ]
7
 
Genere: electro-pop
Tags:
 
24 Gennaio 2011
 

L’ha rifatto, Maya Arulpragasam. Ancora una volta ha aperto un nuovo dominio su qualche server misconosciuto in giro per il mondo per diffondere la sua musica. E stavolta non si tratta di un semplice brano per criticare l’artista o il giornalista di turno, ma un intero mixtape, 36 minuti di brani mai sentititi o riarrangiati per l’occasione. Inutile sperare che lo spirito sarcastico della cingalese abbia perso consistenza, anzi. Il pensiero dev’esser stato ‘più minuti più offese’.

Sin dal titolo, un’ovazione buzzurra a Julian Assange, si respira lo spirito tamarro e danzereccio del lavoro, che potremmo porre a metà strada tra le sonorità etno-dance di “Kala” e le ultime divagazioni alt-noise di “/\/\ /\ Y /\”. Non nuova alla pubblicazione di mixtape (“Piracy Funds Terrorism” nel 2004 precedette l’uscita del disco di debutto), la terrorista pop gode in quest’occasione della collaborazione di Rusko, di Blaqstarr (prodotto dalla stessa M.I.A.) e dei soliti Diplo e Switch; il concetto dell’opera, caro all’artista, è quello della libera diffusione della musica: I’m not talking about getting it for free. I’m talking about making it freer, ripeterà in proposito M.I.A. più volte.

La robotica apertura riporta immediatamente l’ascoltatore nelle atmosfere di “Kala”, tra i boati di “Bamboo Banga” e le trombe di “XR2”; una strofa di “Illygirl”, bonus track dell’ultimo disco, separa idealmente da “Let Me Hump You”, che riprende improvvisamente in mano la bandiera dell’orgoglio etnico della srilankese. Le strofe rappate riportano alla memoria gli esordi della cantante, che rivivono anche in un inedito remix di “Steppin Up”. “Go At It”, al decimo minuto, recupera una base 90s, mentre in una nuova versione di “Gen-N-E-Y”, brano mixato da Diplo in cui Maya si scaglia contro lo stesso produttore (!) già disponibile in free download mesi fa, rivivono i fasti electronoise dell’ultimo disco pubblicato. La componente rap viene recuperata in “Bad Girls” e in “Marsha/Britney”, attacco frontale alla misconosciuta Marsha Ambrosius, di cui sappiamo solo che non deve star molto simpatica a M.I.A. ( “You wanna be the next big thing/ but you can’t sing”).

La seconda metà del mixtape non si differenzia in modo evidente dalla prima, proseguendo tra un paio di pezzi rap (“Listen Up” e l’old school di “Get Around”), un rapido electroclash à la “Kala” e il dubstep di “You My Love”.

Tracklist
1. The World
2. Bamboo Go
3. Illy Girl
4. Super Tight
5. Let Me Hump You
6. WWW/Meds/Feds
7. Steppin/Up
8. Got At It
9. Vicki Intermission
10. Gen-n-e-y
11. Bad Girls
12. Dutch Dutch
13. Marsha/Britney
14. Tamilbeatmunchi
15. Listen Up
16. Mudersoundsmunchi
17. Overdrive
18. You My Love
19. Get Around
 

1 Comment

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marsha Ambrosius è una delle due Floetry, duo inglese. Negli ultimi anni ha collaborato a dischi molto importanti o molto attesi come “Hi-Teknology 2” di Dj Hi-Tek dei Reflection Eternal, “The Documentary” e “The Doctor’s Advocate” di The Game, “The Big Bang” di Busta Rhymes e “Hip Hop Is Dead” di Nas 😉

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments