banner

IRON AND WINE
Kiss Each Other Clean

26 gennaio 2011

TAGS:

Sam Beam è diventato grande e per il suo quarto album in studio ha voluto fare le cose in grande, aspettando ben quattro anni per dare un seguito a “The Shepherd’s Dog”, disco che nel 2007 lo proiettò nell’Olimpo della musica popolare americana.

Con “Kiss Each Other Clean” ha voluto di più e innanzitutto è uscito di casa (discografica, la Sub Pop che lo aveva scoperto e lanciato) come si conviene ad un adulto ed è approdato alla 4AD, poi ha arricchito il proprio suono in combutta con il sodale Brian Deck alla produzione; sono ormai lontani i tempi del menestrello tutto voce e chitarra. Oggi la proposta di Iron & Wine è fatta di suoni che arrivano dai luoghi e dai tempi più disparati: ci sono i cori e le tastiere dei Sessanta americani che si mescolano a programmazioni ed effetti sintetici (anche sulla voce), coloriture africane e pure parti di sassofono e basso wah-wah che riportano alla mente un certo funk Seventies.

Tutta questa abbondanza sonica se da un lato intriga, dall’altro spiazza un po’ distogliendo l’ascoltatore da quello che è più importante cioè le canzoni. Su questo versante Beam dimostra ancora una volta di essere scrittore di talento, seppure incostante, ma è un fatto che al di là dell’affastellamento di suoni gli episodi migliori siano quelli in cui la melodia è maggiormente riconoscibile e le parole riescono a risaltare con maggior forza. Per cui ci si trova di fronte a un ottovolante di emozioni ed ispirazione dove picchi molto alti di poeticità (su tutti “Walking Far From Home” e “Rabbit Will Run”), nei quali più riconoscibile è il marchio di fabbrica di Iron & Wine, si alternano a momenti meno riusciti (“Monkeys Uptown”, “Big Burned Hand”) pur restando piacevoli all’ascolto meno attento.

Insomma “Kiss Each Other Clean” è disco ambizioso che non colpisce nel centro il bersaglio prefissatosi, alcune scelte appaiono fuori fuoco eppure è sempre un piacere ascoltare quanto uscito dalla penna di Sam Beam.

Kiss Each Other Clean
[ 4AD - 2011 ]
Similar Artist: Sufjan Stevens, Gomez, Will Oldham, Beach Boys

Rating:

1. Walking Far From Home
2. Me And Lazarus
3. Tree By The River
4. Monkeys Uptown
5. Half Moon
6. Rabbit Will Run
7. Godless Brother In Love
8. Big Burned Hand
9. Glad Man Singing
10. Your Fake Name Is Good Enough For Me

Ascolta “Walking Far From Home”

 

Articoli Correlati:

4 commenti »

Ultime recensioni

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…

Haus Of Dada

PLANKTON DADA WAVE
Haus Of Dada

Mettete insieme un delirio galoppante, un filo di pazzia lungo un kilometro e uno…

Brighter Days

FM BELFAST
Brighter Days

Adorati nei giri dei grandi festivals, osannati da falangi di electropoppisti d’ultima generazione e…