COLD WAR KIDS
Mine Is Yours

 
 
31 Gennaio 2011
 

Chi suona stona, chi non suona critica
(R. Muti)

C’è sempre puzza di bruciato quando un album cerca di risolvere un’equazione matematica attraverso le canzoni. Il fatto è che la musica dovrebbe essere un fluire privo d’intoppi, caldo, appassionato, possibilmente nutriente, necessariamente trascendente. Questo perché il succo del discorso è sempre lo stesso: fischiettare con un ombrellino a pois rosa, sospesi su una fune a 30 metri da terra, è una questione di equilibrio, oltreché di stile.

Su quel filo teso e pericolante i Cold War Kids ci camminano da un bel po’ di tempo, in virtù di uscite discografiche trasversali, perennemente sospese in un immaginario mondo costruito a botte di rock, soul e delizie vocali. E dopo due album spessi e carichi di groove, giungono a questa terza fatica ben consci di porsi alla stessa maniera di un condannato dinanzi al plotone di esecuzione. Il mondo difficilmente perdona i cambiamenti, viene da pensare.

Abbandonate per il momento le atmosfere claustrofobiche e metropolitane delle opere precedenti, i quattro californiani si danno totalmente al culto di un rock veloce, accattivante, quasi radiofonico, nitido, lineare, ma emozionante e terribilmente seducente. A scherzare con gli intrecci mai banali tra le chitarre rollingstoniane di Jonnie Russell e la funkeggiante sezione ritmica del duo Maust-Aveiro, c’è quel balsamo primordiale che è la voce di Nathan Willet, un incrocio incandescente di sudori soul e prepotenze rock’n’roll, un ipotetico punto d’incontro delle migliori tradizioni americane, siano esse black o bianche.

C’è come una voglia di scivolare dentro le canzoni senza perifrasi, abbandonandosi all’elettricità scatenata da una passione travolgente, fremente di vita, relegando in soffitta ragionamenti di sorta e filosofie sofisticate. Ne esce fuori un disco che centra 11 brani decisivi, strutturati, suonati ed interpretati con profondità, padroni di un’anima irrequieta ed un’identità precisa, così forte che solo il preconcetto può portare a smontare, specie se le caratteristiche di base dei Cold War Kids rimangono, nel loro complesso, intatte se non addirittura rafforzate.

“Mine Is Yours” suona esattamente come una giornata di sole che asciuga paura e terrori da un viso storto da alcool e sudori, mentre un’ultima sigaretta avvolge un sogno fatto di decappottabili che filano via e manciate di vento caldo tra i capelli.

Cover Album

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
Mine Is Yours
[ Interscope – 2011 ]
Similar Artist: Rolling Stones, Kings Of Leon, Modest Mouse, Jeff Buckley
Rating:
1 Mine Is Yours
2. Louder Than Ever
3. Royal Blue
4. Finally Begin
5. Out Of The Wilderness
6. Skip The Charades
7. Sensitive Kid
8. Bulldozer
9. Broken Open
10. Cold Toes On The Cold Floor
11. Flying Upside Down

Ascolta “Louder Than Ever”

Tracklist
 
 

Kid Francescoli – Lovers

Ebbene sì, Kid Francescoli prende il suo moniker proprio dal noto centrocampista uruguyano che negli anni ’90 ha giocato a Cagliari e a ...

Winter – Endless Space ...

Questa volta la nostra Samira Winter fa davvero centro. Il nuovo album della fanciulla di origini brasiliane, ma residente in America, ...

Courtney Marie Andrews – Old ...

Dopo l’ottimo “May Your Kindness Remain”, uscito nel marzo 2018, Courtney Marie Andrews ritorna con quello che è il suo settimo LP: ...

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...