banner

SHACKLETON
Fabric 55

2 febbraio 2011

TAGS:

Il Fabric, come è noto, è uno dei templi della musica elettronica, se non il tempio. Punto d’arrivo per chiunque si cimenti nella produzione e nella manipolazione del genere, sviscerato in tutte le sue varianti, dai soundclash tra hip hop, breakbeat, dubstep e drum and bass del venerdì notte agli showcase house e techno del sabato. Ma il Fabric, fondato da Keith Reilly e Cameron Leslie fine anni ’90, è anche una serie di compilation, divise tra la serie “fabric” e la serie “Fabric Live”.

Per il numero 55 della serie “fabric”, il club londinese si è affidato a Sam Shackleton, fondatore dell’ormai defunta etichetta Skull Disco insieme ad Applebim ed osservato speciale della scena elettronica odierna.
Quarto volume della serie a contenere solo produzioni del titolare del mix, onore concesso solo ad Omar S, Villalobos e a pochi altri, con tredici inediti e nove rivisitazioni del suo recente passato.

Dimenticate le atmosfere cupe e cattive a cui si pensa immediatamente quando si parla di dubstep: l’intero disco è un trip nella visione che il buon Sam ha della materia in questione. A tratti minimalissimo, ricco di tribalismi percussioni afro, Shackleton esplora nuovi territori a cui accostare la bastardaggine insita al genere che sta conquistando il mondo, accostandolo a suoni che rimandano dritti alle atmosfere dei club berlinesi uniti ad effetti che ricordano produzioni dub.

Se a tutto queste aggiungete un mixaggio pulitissimo, che fa sembrare le 22 tracce un’unica entità, viene fuori una delle compilation migliori dell’anno appena passato.
Certo non per chi si accosta per la prima volta a questo tipo di sonorità, ma sicuramente acquisto obbligato per chi ha abituato le proprie orecchie a qualcosa che vada oltre la comune concezione di musica elettronica.

Cover Album
Fabric 55
[ Fabric - 2010 ]
Similar Artist: Villalobos, Scuba, Applebim
Rating:
1. Come Up
2. Moon Over Joseph’s Burial
3. Hypno Angel
4. Visontele
5. Interlude: Blood Rhythm With Wishy Drones
6. Operatic Waves
7. Closeness to Nature
8. Negative Thoughts
9. Death Is Not Final feat. Vengeance Tenfold
10. International Fires
11. Paper
12. Deadman
13. Interlude: Point One, Sense It
14. Man On A String (Part 1)
15. Man On A String (Part 2)
16. Ice
17. Busted Spirit
18. Bottles
19. New Dawn
20. Something Has Got To Give
21. Massacre
22. Stripped

Ascolta “Come Up”

 

Articoli Correlati:

2 commenti »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…