banner

SHACKLETON
Fabric 55

2 febbraio 2011

TAGS:

Il Fabric, come è noto, è uno dei templi della musica elettronica, se non il tempio. Punto d’arrivo per chiunque si cimenti nella produzione e nella manipolazione del genere, sviscerato in tutte le sue varianti, dai soundclash tra hip hop, breakbeat, dubstep e drum and bass del venerdì notte agli showcase house e techno del sabato. Ma il Fabric, fondato da Keith Reilly e Cameron Leslie fine anni ’90, è anche una serie di compilation, divise tra la serie “fabric” e la serie “Fabric Live”.

Per il numero 55 della serie “fabric”, il club londinese si è affidato a Sam Shackleton, fondatore dell’ormai defunta etichetta Skull Disco insieme ad Applebim ed osservato speciale della scena elettronica odierna.
Quarto volume della serie a contenere solo produzioni del titolare del mix, onore concesso solo ad Omar S, Villalobos e a pochi altri, con tredici inediti e nove rivisitazioni del suo recente passato.

Dimenticate le atmosfere cupe e cattive a cui si pensa immediatamente quando si parla di dubstep: l’intero disco è un trip nella visione che il buon Sam ha della materia in questione. A tratti minimalissimo, ricco di tribalismi percussioni afro, Shackleton esplora nuovi territori a cui accostare la bastardaggine insita al genere che sta conquistando il mondo, accostandolo a suoni che rimandano dritti alle atmosfere dei club berlinesi uniti ad effetti che ricordano produzioni dub.

Se a tutto queste aggiungete un mixaggio pulitissimo, che fa sembrare le 22 tracce un’unica entità, viene fuori una delle compilation migliori dell’anno appena passato.
Certo non per chi si accosta per la prima volta a questo tipo di sonorità, ma sicuramente acquisto obbligato per chi ha abituato le proprie orecchie a qualcosa che vada oltre la comune concezione di musica elettronica.

Cover Album
Fabric 55
[ Fabric - 2010 ]
Similar Artist: Villalobos, Scuba, Applebim
Rating:
1. Come Up
2. Moon Over Joseph’s Burial
3. Hypno Angel
4. Visontele
5. Interlude: Blood Rhythm With Wishy Drones
6. Operatic Waves
7. Closeness to Nature
8. Negative Thoughts
9. Death Is Not Final feat. Vengeance Tenfold
10. International Fires
11. Paper
12. Deadman
13. Interlude: Point One, Sense It
14. Man On A String (Part 1)
15. Man On A String (Part 2)
16. Ice
17. Busted Spirit
18. Bottles
19. New Dawn
20. Something Has Got To Give
21. Massacre
22. Stripped

Ascolta “Come Up”

 

Articoli Correlati:

2 commenti »

Ultime recensioni

Thesis

KING AVRIEL
Thesis

I want people to understand where I’ve come from. And that’s maybe selfish or…

When The Cellar Children See The Light Of Day

MIREL WAGNER
When The Cellar Children See The Light Of Day

Mirel Wagner è dolce e inquietante. Una donna che se ne va in giro…

What Is This Heart?

HOW TO DRESS WELL
What Is This Heart?

Confessioni: per qualche settimana della mia vita me ne sono andata in giro pubblicizzando…

3 FINGERS GUITAR
Rinuncia All’Eredità

Con colpevole ritardo anche noi di IndieForBunnies arriviamo a dirvi la nostra sul disco…

Stay

FROZEN FARMER
Stay

Parlare di folk e tradizione è ancora possibile grazie ai Frozen Farmer. Attivi dal…

Master Xploder

DOPE D.O.D.
Master Xploder

Sono in tre, sono olandesi e arrivano adesso al terzo disco in appena tre…

Grace

HDADD
Grace

Puntuale come un orologio svizzero (a differenza della nostra recensione, che arriva leggermente in…

Onward Aeropuerto

SUSIE ASADO
Onward Aeropuerto

C’è una donna che si è persa dentro una tazzina di tè molto molto…