THE SOUNDCARRIERS
Celeste

 
Tags: ,
 
4 Febbraio 2011
 

Bhè non c’è molto da dire su “Celeste”.
È il secondo album della band di Nottingham.
Ed è meraviglioso.
Meraviglioso come può essere il primo figlio, la promozione alla maturità, la vittoria nel Derby o le inezie che hanno il vezzo di essere perfette in ogni loro dimensione.
Da qualsiasi parte le si guardi.
Ovunque le si tocchi.

Non c’è esitazione e non esiste nessun punto di autoindulgenza, di cattivo gusto o di semplice scarabocchiatura.
“Celeste” è un disco solido, maturo, ottimamente suonato ed ispirato.
Ancorato a piene mani nell’immaginario che tutti avremmo voluto condividere, ovvero quella miscellanea floreale e avantretrò di Swingin’ London incontra la West Coast che strizza l’occhio alla Pop Art.
Insomma nulla!!!!
Eppure i 4 Soundcarriers snocciolano la materia in maniera eccelsa e del tutto personale, carpendo da Stereolab e Broadcast, come da Jefferson Airplane e Velvet Underground tra gli altri senza ricalcarne mai le orme pedissequamente.

La parola d’ordine è dunque ‘stile’ ed in “Celeste” non trovi altro.
Bello dirlo.
Bello constatarlo.
Soprattutto quando ognuna delle 12 canzoni (13 se si include una pseudo ghost track in scia a “Celeste”) vive di vita propria, di pulsioni carnali genuine, costruendo paesaggi luminosi e spiegazzati come nelle vecchie Polaroid di famiglia.
Senso di calore che si trasforma in un abbraccio e, come si sa, chi riesce a costruire un’Atmosfera circondato dalla grettezza generale possiede un Carisma di natura superiore.
Punto.

Il resto lo puoi lasciare sussurrare alla Musica, troppo spesso ostacolata nella sua Missione dai fiumi di parole, dai troppi concetti arzigogolati che la stritolano senza soluzione di riscatto.
Davvero.
Ascoltati ogni singolo minuto di questo fantastico puzzle in bilico tra psichedelia sognante ed easy leastening pregiata, magari a luci basse sull’imbrunire, magari al sicuro tra le quattro mura di casa prima del solito weekend e capirai Tutto.
Che non ci sono i gradini di una scala tra “Last Broadcast” e “Broken Sleep”, che vi è la medesima dolcezza di fondo scorrendo “There Only Once” subito prima di “Signals” e che “Step Outside” vive benissimo sotto lo stesso tetto di “Rise And Fall” senza ruggini o gelosie.
Hai in mano brandelli di Magia dove la semplicità è tutto. Non vanificarli chiedendoti inutili perché.
Comprare e basta!!!

Cover Album

Celeste
[ Melodic – 2010 ]
Similar Artist: Stereolab, Broadcast, Stereo Total
Rating:
1. Last Broadcast
2. Step Outside
3. Morning Haze
4. Broken Sleep
5. Long Highway
6. Rolling On
7. There Only Once
8. Out Of Place
9. Signals
10. Rise & Fall
11. Hideaway
12. Celeste

Ascolta “Last Broadcst”

Tracklist
 
 

The Honeydrips – Here Comes ...

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più ...

Pindar – Backgammon Vol.1 ...

Giusta intuizione quella dei due producer MiK Drake e JaK Turn, bravi a giocare a carte coperte sfruttando l’immaginario simil-Daft Punk e ...

Unruly Girls – Epidemic

Nonostante il prezzo più alto venga pagato sempre dai più deboli, dai più poveri, dagli ultimi – basti guardare all’America ...

Lucio Leoni – Dove Sei, pt.1

Lucio Leoni non è un nome nuovo della scena cantautorale, attivo già da parecchi anni e con un percorso di tutto rispetto fatto di ...

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...