banner

CHARLES BRADLEY
No Time For Dreaming

14 febbraio 2011

TAGS:

Prendete James Brown, Al Green e Marvin Gaye e tre pezzi storici a caso, che so, tipo “It’s A Man’s World”, “Let’s Stay Together” e “Let’s Get It On”, pietre miliari per la generazione soul/funk anni ‘70, e poi spostiamoci nel 2011: ecco che da queste premesse nasce “No time for dreaming”, una sorta di viaggio indietro nel tempo, una vera e propria immersione in quelle sonorità che sono rimaste nei solchi dei vinili e tristemente dimenticate dal digitale pulito e perfetto come argenteria appena lucidata.

Quello che ci concede Charles Bradley è un revival con tanto di legni e hammond cuciti su una straordinaria voce profonda e graffiante, di quelle voci che rappresentano un esorcismo riuscitissimo se vibrano nel senso giusto e che arrivano nel profondo, capaci di rivoltare come un calzino qualsiasi tristezza e trasformarla in reazione (provate a non sentire quella spinta ascoltando questo genere, è davvero impossibile non avvertirla). È sicuramente il modo in cui ha agito la musica proprio su di lui che ha affrontato una vita profondamente travagliata, al limite del romanzo. Ha seguito il bisogno impellente di azzittire il ’suo passeggero oscuro’, un po’ alla Dexter ma molto molto meno sanguinario.

L’artista con una vita difficile alle spalle è uno stereotipo abbastanza comune ma non è altrettanto comune trovare una forza interpretativa come quella che il Newyorchese Charles Bradley celebra nel suo secondo album, spalleggiato dalla Menahan Strett Band.
Non c’è nulla di diverso nel suo sound rispetto ai suoi illustri mentori, è semplicemente quello che è: uno straordinario ed elegante amarcord che cavalca il ricordo di un’epoca difficile in cui la canzone di protesta e preghiera non aveva solo una importanza culturale ma rappresentava la liberazione dalla persecuzione sociale dei neri e dalla demonizzazione del funk, giudicato troppo trasgressivo e “sporco”. Tutt’altro discorso oggi.

Un disco fuori dal tempo a spasso nel tempo.

No Time For Dreaming
[ Daptone - 2011 ]
Similar Artist: Al Green, Marvin Gaye, Lee Fields
Rating:
1. The World (Is Going up in Flames)
2. The Telephone Song
3. Golden Rule
4. I Believe in Your Love
5. Trouble in the Land
6. Lovin’ You, Baby
7. No Time for Dreaming
8. How Long
9. In You (I Found a Love)
10. Why is it so Hard?
11. Since Our Last Goodbye
12. Heartaches and Pain

Ascolta “No Time For Dreaming”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…