THE DIRTBOMBS
Party Shore

 
Tags: ,
 
14 Febbraio 2011
 

Se vi va di muovere il culo potete scegliere tra diverse opzioni.
1) Infilare le cuffiette del vostro ipod e iniziare a correre su un tapis roulant come criceti in gabbia. Una delle massime espressioni della nostra società dove, anche correndo, ti ritrovi sempre al punto di partenza.
2) Potreste investire mensilmente una parte dei vostri risparmi in un abbonamento in palestra dove correrete sempre come dei criceti in gabbia, ma almeno lo farete in compagnia.
3) Comprare l’xbox360 con Kinect e la fine dei criceti la farete comodamente a casa vostra, al cospetto del vostro televisore ad alta definizione.
4) Andare a ballare in uno di quei posti popolato da tamarri da competizione, regredendo alla condizione di primati dal pollice opponibile.
5) Sporcarvi le orecchie con “Party Store” dei Dirtbombs e organizzare una festa da antologia.

Mick Collins continua ad assecondare le proprie passioni musicali e, dopo aver omaggiato la musica black con “Ultraglide in Black”, si tuffa nel sound della musica elettronica della Detroit degli anni ’80 reinterpretandone a suo modo alcuni classici. Il risultato è una bomba ad alto tasso esplosivo, dove dell’elelettronica tout-court restano soltanto certe ritmiche, mentre tutto il resto è sporcato dalle chitarre e da un suono corposamente rock. La band gioca aggiungendo ai brani originali la strumentazione classica, in un idillio di ballabilità, sano lerciume rock’n’roll e sinuosità soul. E’ come se il rock e le pulsazioni sintetiche si incontrassero a metà strada abbracciando influenze funk(adeliche).

Le rivisitazioni vanno dall’elettronica di “Sharevari” degli A number of Names, passando per gli accenti soul di “Good Life” di Kevin Saunderson, finendo in territori più house di “String of Life”, originariamente di Derrick May. Un lavoro tanto eccitante quanto divertente, che modula con sapienza e fantasia una materia ballabile, restituendole il sacro fuoco del rock’n’roll senza tradirne lo spirto originario. E allora che fate ancora immobili davanti ai vostri monitor? Sporcatevi le mani e muovete le chiappe con quello che molto probabilmente resterà uno dei dischi più riusciti dell’anno appena iniziato.

Cover Album

Party Store
[ In The Red – 2011 ]
Similar Artist: The Gories, The Detroit Cobras, Reigning Sound, Funkadelic
Rating:
1. Cosmic Cars
2. Sharevari
3. Good Life (Basement Roots Mix)
4. Strings of Life
5. Alleys Of Your Mind
6. Bug In The Bass Bin
7. Jaguar 1.
8. Tear The Club Up
9. 謎のミスタ-ナイソ(Detoroito Mix)

Ascolta “Sharevari”

Tracklist
 
 

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...