banner

JONNY
S/T

16 febbraio 2011

TAGS:

Mettiamoci subito d’accordo, Euros Child e Norman Blake, Jonny per tutti, questi festaioli pseudo fancazzisti ai quali il tempo pare abbia donato la facoltà di rimanere forever young – sono in circolazione dagli anni novanta – con estraniante persistenza di foruncoli, apparecchietto d’oro sui dentoni e ‘accecanti’ polluzioni notturne bramando nel sogno la sguinza del collage a fianco, se ne fregano e se ne sbattono di dimostrare di essere cresciuti abbondantemente e di ricercare una scorciatoia che li declassi da ‘bamboccioni del Regno Unito’; non propongono nessuna revolution, tantomeno un progetto sonoro di riammodernamento, assolutamente nulla che abbia a che fare con nuove infiltrazioni world o neo-etnicismi rincoglionanti, fanno poche cose e trite e ritrite, le solite insolazioni sixsteen, il seltz nullafacente del surfing Wilsoniano, due tastiere con leslie vibranti con vista Big Sur e beat, beat, beat a leccare le ferite mai ricucite di un’epopea smagliante e mutilata da pensieri e problemi.

E allora direte voi, che perdiamo tempo a fare? Sono d’accordo con voi ma è questa la fregatura, è che questo power-duo, nonostante si cerchi di allontanarli rimanendoti attaccati tra le dita come quei pezzetti di plastica elettrizzati, quel poco che fanno lo fanno straordinariamente bene che la malia di questi suoni ‘di ieri’ ti prende le gambe e la testa tanto da metterti a ballare, facendo pure l’hoola hop con l’ingombrante ‘maniglia dell’amore’ che l’età da in accredito.

Praticamente un disco sacco a pelo, immediatamente pronto per sgattaiolare via, lontano sulle traiettorie dreaming di capelloni rinverditi, ipotetici choopper che sciamano sulle strade blu dell’Oregon in poi “The Goodnight”, un fuoco acceso sotto le stelle folk “English Lady”, lo Stereo Otto a palla con i Beatles del ciclo hippies “Cave Dance” o, se vogliamo sentire anche un pochetto d’aroma di erba, sintonizzate il naso su “Candyfloss” e vi accorgerete pure che Ray e Dave Davies dei Kinks stanno per chiedervi …sorry, you have a Rizla paper ?….

Nessuna nostalgia preparata a tavolino, solo un inaspettato raggio di sole che taglia in due queste giornate uggiose di nebbia e che intiepidisce l’ambiente dove di solito ascoltiamo la musica, nulla di più, un modo come tanti per andare a scapocciare tra passati remoti e tirarli forte come una coperta scaldante su questi presenti dall’incerto futuro.

Jonny
[ Turnstile - 2011 ]
Similar Artist: Teenage Fanclub, Edwyn Collins, Steve Mason, Kinks liftati e ketchup a volontà
Rating:
1. Wich Is Wich
2. Candyfloss
3. Waiting Around For You
4. Goldmine
5. You Was Me
6. Circling The Sun
7. English Lady
8. The Goodnight
9. Bread
10. Cave Dance
11. I Want To Be Around You
12. I’ll Maker Her My Best Friends
13. Never Alone

Ascolta “Candyfloss”

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…