MADRAC
L’Esercito Del Sole

 
Tags:
 
18 Febbraio 2011
 

Della grande famiglia ReddArmy vi abbiamo già ampiamente parlato e non ci ripeteremo ulteriormente, vi basti sapere che la creatura Madrac (“serpente” in friulano) è la band primogenita della label: un supergruppo che comprende il leader e chitarrista ReddKaa, il beat-maker Kappah (autore di ottime prove anche da solista), il cantante Zanna (nuovo acquisto) e MattiaC alle tastiere. I quattro arrivano con questo “L’Esercito Del Sole” al terzo album, dopo due lavori ingiustamente passati quasi inosservati, e tentano il colpaccio: più di tre anni di lavoro, ospiti importanti e produzione sfavillante rendono il disco una delle uscite italiane più attese del 2011.

E ogni aspettativa viene totalmente ripagata perché l’opera immagina un pop molto nero pronto per il futuro, ma godibilissimo anche nel presente; capace di ibridare i suoni tradizionali e l’energia del rock con l’elettronica e l’hip-hop.
Concept album sulle potenzialità della musica (e delle musiche) sin dall’inizio si mostra stupefacente: “What It Takes To Be A Man” è manifesto programmatico, funk-rock inquieto e ricco di tentazioni electro; la successiva “Miss Jones” incrocia i Rolling Stones e i clubs di New York.

“Normale”, gran crossover sporcato dai beat sghembi di Kappah ci regala il CapaRezza (primo featuring di una lunga lista) più in forma dal 2003; ricca di romanticismo ma sulle stesse coordinate soniche si muove il primo singolo “Solo Lei” (con l’ottimo intervento dei talentuosissimi lucani Smania Uagliuns).
Soul mutante e irresistibile, “Venerdì Sabato Domenica” si pregia del sax del maestro giamaicano Dean Fraser. “Miele E Veleno” alterna istanze dance e atmosfere thriller, mentre “Brucia” (substrato elettronico, grasso funk e ritornello assassino) si rivela una delle perle di tutto il disco.

“Io Non Ho Paura” riesce nel difficile compito di suonare in levare e prepotentemente massiccia senza alcuna banalità (e aggiungeteci un grandioso intermezzo rap di Primo Brown) e la conclusiva “Atlantica” (con la partecipazione di Skerrit Bwoy, live front-man dei Major Lazer, e il dub-master friulano Paolo Baldini) innesta su un tappeto electro-lisergico una carica energica di raro impatto.
Insomma: discone, assai internazionale (nei suoni e nelle intenzioni); talento e mestiere che procedono di pari passo.

  • MySpace
  • BUY HERE
L’Esercito Del Sole
[ ReddArmy – 2011 ]
Similar Artist: Smania Uagliuns, Moby, Beastie Boys, Gorillaz, Herbaliser, Crookers
Rating:
1. What it Takes to Be a Man
2. Miss Jones
3. Normale
4. Davvero
5. Solo Lei
6. Modello negativo
7. Venerdì Sabato Domenica
8. Miele E Veleno
9. Brucia
10. La Linea Sottile
11. Io Non Ho Paura
12. Ricomincio Da Me
13. Atlantica

Ascolta “Davvero”

Tracklist
 
 

Antonioni – Antonioni

Anche se le nuove regole di un mondo che combatte il virus ci ha costretti agli arresti domiciliari, possiamo almeno coccolare i nostri ...

Death From Above 1979 – Is 4 ...

Sembravano destinati a restare in eterno delle meteore i Death From Above 1979 che nel 2006, un paio di anni dopo aver dato alle stampe ...

Du Blonde – Homecoming

Registrato tra Newcastle, Los Angeles e Londra, “Homecoming” è il quarto album per Beth Jean Houghton (il terzo con il moniker di Du ...

Jacques Moolman – The Great ...

Jacques Moolman proviene da Johannesburg ed è il frontman degli Shadowclub, rock band sudafricana: dopo aver passato i suoi anni formativi ...

The Natvral – Tethers

Dopo aver chiuso il ciclo dei Pains Of Being Pure At Heart con il quarto LP, “The Echo Of Pleasure”, uscito a settembre 2017, Kip Berman ...