DUMBO GETS MAD
Elephants At The Door

 
 
23 Febbraio 2011
 

Dumbo Gets Mad è l’ennesimo moniker del panorama elettronico, elettroclascico, italico, nuovo tributo al verbo “Do It Yourself”. Il nome del progetto è tratto dalla scena di “Dumbo”, il celeberrimo film d’animazione Disney del 1941, nella quale l’elefantino dalle immense orecchie fa la sua prima esperienza con le sostanze psicotrope e sbarella, vedendo attorno a sé un’allegra parata di elefanti rosa cantanti e ballanti. Il disco, prodotto dalla giovane e intraprendente etichetta italiana Bad Panda Records, anch’essa all’esordio sul “lungo” dopo aver pubblicato 66 canzoni di artisti vari utilizzando quello splendore che è la licenza Creative Commons, è scaricabile gratuitamente e prossimamente verrà pubblicato in edizione limitata in formato vinile da 12”.

Il baffuto ragazzo che si cela dietro la sigla DGM dichiara di ispirarsi al lavoro di gente come Bibio, Gonjasufi, Flying Lotus e poi ancora Radio Dept e Captain Beefheart, insomma mica poco; si avvale di sintetizzatori e macchine d’epoca come vuole la regola, nonché della voce femminile della di lui compagna.

Tutto al proprio posto, tutto perfetto manco esistesse un manuale che spieghi come avvicinarsi al debutto nel caleidoscopico mondo dell’indipendenza, che spieghi pure come, dove e quando farsi fotografare. Perché se è vero che in questo disco ci sono bei suoni di farfisa e dlin-dlin sognanti (“Plumy Tale”), atmosfere surf, richiami pop (“Eclectic Prawn”, il pezzo migliore del disco fra l’altro) è pure vero che tutto suona come trito e ritrito. Proprio perché un disco di elettronica, oggi, è materialmente molto facile da produrre, risulta imprescindibile una dose maggiore di inventiva, un’ispirazione superiore che permetta al proprio lavoro di smarcarsi dalle tonnellate di musica tutta invariabilmente carina, tutta inevitabilmente mediocre. Questo passo in più “Elephants At The Door” non lo fa e un brano come Self-esteem con la sua atmosfera da bassi Settanta, degna di una parodia di Barry White o di “Love Boat” (il telefilm), ne è paradigma esauriente.

Non basta una camicia sgargiante per essere Sgt. Pepper, non basta scriverlo su un foglio per arrivare a Cpt. Beefheart, per ora Dumbo resta un “Private”.

  • MySpace
  • BUY HERE
Elephants At The Door
[ Bad Panda – 2011 ]
Similar Artist: Flying Lotus, Air, Daft Punk
Rating:
1. Limbo’s Village
2. Plumy Tale
3. Marmelade Kids
4. Sleeping Over
5. Harmony
6. Why Try?
7. Eclectic Prawn
8. Self-esteem
9. Raymond Play
10. You Make You Feel

Ascolta “You Make Me Feel”

Tracklist
 
 

Day Wave – Pastlife

Day Wave ritorna con questo suo secondo album dopo cinque anni dal suo esordio, “The Days We Had” (in mezzo è uscito anche l’EP ...

Weezer – SZNZ: Spring / ...

Siamo sopravvissuti al caldo anomalo della primavera e abbiamo varcato la soglia di un’estate che, sul fronte climatico, si preannuncia ...

The Dream Syndicate – ...

La nuova fase dei Syndicate approda ad una ulteriore evoluzione, un mix di ritorno alle origini e contaminazione con la contemporaneità  ...

Phill Reynolds – A Ride

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda ...

Moderat – MORE D4TA

Tornando ad abbeverarsi alla fonte di una elettronica “totale” (dall’idm al trip-hop), il progetto Moderat (Sasha Ring aka Apparat e i ...