MASERATI
Pyramid Of The Sun

 
 
23 Febbraio 2011
 

Un disco da ascoltare in macchina mentre guidi, e non perché il gruppo si chiama come una marca di automobili che negli anni ottanta erano considerate vetture da pappone (soprattutto nella versione Biturbo, un vero must per ogni vecchio sfruttatore di grazie altrui che si rispetti).

Roba tosta, che in alcuni momenti ti sembra addirittura di essere al volante di una Citroen Squalo diretto verso un dj set di Daniele Baldelli al Cosmic – magari mentre il passeggero seduto di fianco a te ha il laccio al braccio e sta armeggiando con fiamma e cucchiaino e tu ingenuo come sei non bene capisci il perché – e poi ti riprendi e ti rendi conto che è tutto frutto della tua immaginazione malata. Musica strumentale, che vale gli Holy Fuck e prende a calci i Mogwai, i Tool, LCD Soundystem, la new wave anni ottanta o tutti quei gruppi che non fanno altro che ricopiare con calligrafia incerta cose che altri avevano già fatto nel passato e non prendono un rischio manco per sbaglio.

È post-rock? È art-rock? È prog? È punk-funk? È troppa droga in circolo nelle menti di chi sta suonando? È troppa intelligenza in circolo nelle menti di chi sta suonando? Chi se ne frega, son solo etichette. Son solo menate. Ciò che conta e che spingi play sul lettore, entri dentro ma non sai come ne uscirai. Sintetizzatori troooppo anni ottanta per essere veri (“They’ll No More Suffer For Thirst”), chitarre che si inseguono senza mai raggiungersi o che forse son sempre state ferme lì ed io non me ne ero mai accorto (la title track), accenni industrial-shoegaze da far impallidire i già pallidi Dälek (“Ruins”), i Franz Ferdinand alla lanciati contro un muro a tutta velocità (“Bye M’Friend, Goodbye”) ed in generale un mood totalmente strumentale che ti avvolge e ti fa viaggiare lontano da qui, lontano da te. Un disco da (ri)scoprire.

1. Who Can Find The Beast?
2. Pyramid Of The Sun
3. We Got The System To Fight The System
4. They’ll No More Suffer From Thirst
5. Ruins
6. They’ll No More Suffer From Hunger
7. Oaxaca
8. Bye M’friend, Goodbye

Ascolta alcune tracce da “Pyramid Of The Sun”

Tracklist
 
 

Huge Molasses Tank Explodes – ...

Milano blindata, come anche il resto d’Italia, e questo è assodato oramai. Il fatto di non dover uscire non è un effettivo problema per ...

Islet – Eyelet

Ci sono voluti ben sette anni per avere tra le mani il nuovo attesissimo lavoro del trio gallese degli Islet. Questo “Eyelet” ...

Twisted Wheel – Satisfying ...

Otto anni dopo il secondo (e fino ad oggi ultimo) album, sei dopo l’autoproclamato “funerale”, riecco sulla lunga distanza ...

Spinning Coin – Hyacinth

La compagine di Glasgow composta da Cal Donnelly, Chris White, Jack Mellin, Sean Armstrong e Rachel Taylor ripropone con ...

Waxahatchee – Saint Cloud

E’ sempre un vero piacere ascoltare la musica di Katie Crutchfield, ovvero Waxahatchee, che seguiamo ormai da parecchi anni. Questo ...