banner

Versus – Retroattivo

24 febbraio 2011

TAGS:

I Padovani Versus se n’escono con “Retroattivo” con quella leggerezza colta, spigliata ed ironica di chi possiede quella grazia interpretativa a sceneggiare sogni e metafore immaginifiche, una sensibilità arieggiata che rievoca e trasforma suoni, storie e personaggi volatili alla Folòn.

Un disco a suo modo intriso di pop psichedelico, che pare non toccare mai terra, leggiadro e cristallino come in certe ‘rampe di lancio mentale’ dei Floyd planetari, pulito come acqua di fonte; oramai ci si abitua a tutto nella musica, ma questo tipo di dischi mancano alla conta, che fanno bene alla musica nuova, che suona quasi genialmente pazzo se inserito nel marasma a rendere di tanta mercanzia suonante che sciaborda intorno, e che ci rende consapevoli che anche con poche alchimie roboanti, l’innato senso di uno spettacolo uditivo può nascere, vivere e far vivere dentro un bel profilo di delizia.

La voce del Principe Totò che grassetta la linea ondulata di “Stare Alzati” già trasporta sull’orlo di un viaggio mnemonico la progettualità di questo lavoro dei Versus, ovvero attraversare l’anima piuttosto che le urla, un tremendo recupero del ‘volo libero’ e dell’acume di unire frammenti di tecnologia elettronica, arpeggi & filigrane di corde elettriche, candidi passaggi e paesaggi oltre atmosfera che fanno togliere veramente il cappello al loro passaggio stereo.
Le belle spennate acustiche di “Mi Raccomando”, i tasti liquidi e angelici di “Ragazza Farfalla”, il giro mantrico cantato in “Cosa Ti Aspetti Da Questa Notte” creano orizzonti Gilmouriani replicati all’infinito, cerchi di saturno che vanno a collocarsi – come trofei colorati di psichedelia soffusa – attorno alla testa di celebranti metafisici e dreamers: sbuca qua e la lo spiritello di Morgan e Andy dei Bluvertigo che giocano – passando per “Melody Pop” – a rendere evanescente e meccanico il midollo totale del registrato e poi scomparire con il rigore filologico della genuinità.

Tra sensazioni impalpabili e linee alternate, un disco che è già palestra per tanti altri: metteteci la testa dentro e lasciatevi attraversare, poi qualcuno prima o poi vi aiuterà a tornare in voi, purtroppo nel quotidiano.

Retroattivo
[ Mescal - 2011 ]
Similar Artist: Bluvertigo, Tiromancino, Le Orme ringiovanite al mondo

Rating:

1. Titoli Di Coda
2. Torre Di Controllo
3. Cosa Ti Aspetti Da Questa Notte
4. Melody Pop
6. Stare Alzati
7. La Colazione Del Sig. Marchese
8. Frasi A Metà
9. Profondamente Dentro
10. Mi Raccomando
11. Ragazza Farfalla
12. Versi Nel Bicchiere

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Nikki Nack

TUNE-YARDS
Nikki Nack

Fresco, allegro e frizzante giusta colonna sonora da ombrellone in questa estate che stenta…

Las Vegas Nel Bosco

ARTEMOLTOBUFFA
Las Vegas Nel Bosco

Non avevo mai ascoltato i lavori precedenti degli Artemoltobuffa, per questo il mio approccio a  ”Las Vegas nel…

Futurology

MANIC STREET PREACHERS
Futurology

Ventidue anni di carriera, dodici dischi studio. Bottino niente male. Dischi di solito scomodi,…

Sunbathing Animal

PARQUET COURTS
Sunbathing Animal

Senza dubbio il terzo disco dei newyorchesi Parquet Courts porta con sé una buona…

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…