ALAIN WEBER
Hoover Cover

 
 
28 Febbraio 2011
 

Ascoltare certi dischi cercando di capirli aiutandosi con la cartella stampa, talvolta porta ad interrogarsi sul perché di alcune scelte. Prendete il dj Alain Weber, autore di stimate compilation (almeno così ho letto, devo ammettere che prima di infilare il disco nel lettore non sapevo chi fosse) e il suo disco solista, praticamente una colonna sonora imamginaria per film immaginari; l’interrogativo immediato è quello di chiedersi se abbia senso una mossa del genere senza un comparto visivo da accompagnare. La risposta è secca, almeno in questo caso: non ha senso.

Il Nostro prende le distanze da tutto ciò che usualmente gli appartiene e recupera le proprie origini classiche, dando alle stampe un disco strumentale incentrato soprattutto sul pianoforte, tra ambient e classica moderna. Buoni alcuni episodi posti ad inizio scaletta, soprattutto quando al piano si aggiungono suggestivi archi a disegnare partiture scarne ed emozionanti, mentre meno buoni sono altri episodi leggermente più ricchi, ma privi di incisività. Sbadigli, sbadigli e ancora sbadigli quando si arriva annoiati in fondo alla tracklist. Un disco di profonda ed inutile eleganza, che si specchia vanitoso in una formula che, in assenza di immagini da accompagnare, mostra tutti i limiti in fase di composizione.

Cover Album

Hoover Cover
[ Poor – 2010 ]
Similar Artist: Ludovico Einaudi, Brian Eno, Michael Nyman
Rating:
1 .You Can’t
2. Union Square
3. Guitairs And Fantasy
4. Little Talk With Le Corbousier
5. Personal Jesus
6. The Tycoon Graphics Connection
7. Pyramids
8. Live Togheter
9. Christmas
10. Forte Fortis XXVI
11. Indian Summer
12. Kid Wild
13. Another World

Ascolta “Guitars And Fantasy”

Tracklist
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...