THE TWILIGHT SINGERS
Dynamite Steps

 
Tags:
 
28 Febbraio 2011
 

Ci sono momenti in cui la musica e i suoi satelliti dovrebbero smettere di girare almeno per una cinquantina di minuti. Ossia dovrebbero lasciar respirare le orecchie oramai intasate di tanti assidui ascoltatori, troppo impegnati su inutili dischetti che vengono gettati nelle immondizie (virtuali enon) dopo pochi ascolti.

C’è appunto quel tempo che andrebbe obbligatoriamente dedicato all’ascolto di certi dischi, che per un verso o per l’altro riescono a smuoverci un qualcosa dentro o addirittura a stenderci al suolo. E questo accade quando uno come Greg Dulli pubblica il suo nuovo lavoro. Chiaramente, nel 2011, con i suoi Twilight Singers. Se facciamo finta che i Gutter Twins in coppia con l’amico Lanegan (anche qui presente nella semi – acustica “Be Invited”) non siano mai esistiti, quest’uomo non ha mai sbagliato un disco, o quantomeno non ha mai scritto un pezzo meno che interessante.

“Dynamite Steps” sembra rievocare, anzi rievoca, i fasti dello splendido “Blackberry Belle”, il loro miglior disco; nonché uno dei più significativi del decennio appena trascorso. C’è sempre quell’anima Soul che dagli Afghan Whigs ad oggi ha sempre attraversato la musica di Greg: ritroviamo quelle chitarre che riescono ad essere corpose e al contempo brillanti, che spesso s’incontrano con il piano, col quale si apre l’ottima “Last Night In Town”. E vogliamo parlare della voce? Quella voce che più che un valore aggiunto rappresenta gran parte della forza emotiva di questi brani, con le loro melodie al limite dell’indecifrabile, che ti entrano in testa forse al decimo ascolto ma che poi non ti mollano più. Già, perché al pingue Dulli poco importa delle tendenze del momento. E se ne fotte di brutto pure delle vendite, perché con tutta probabilità sa che chi lo ama lo seguirà sempre e comunque. Ed è anche giusto così, forse; nonostante si stia parlando di uno che dovrebbe riempire gli stadi e i palasport, mentre invece pare ancora un nome per pochi appassionati.

Viene proprio da domandarsi come si faccia a non amare una persona che ti scrive una canzone come “On The Corner”, il cui crescendo prima del ritornello dovrebbe bastare a rendere la nuova fatica dei Twilight Singers degna di plauso. E come non citare “Waves” o la conclusiva, dilatata title – track (una nuova “Faded”?). È uscito forse un disco negli ultimi mesi che contenesse una “The Beginning To The End”? No.

Qualcuno forse starà già affermando che il gruppo in questione, specie il suo leader e guida, sia uno dei tanti residui degli anni Novanta. In tutta onestà, queste sono polemiche piuttosto sterili; soprattutto perché se in questo momento dovessi consigliare ad un amico poco informato una nuova uscita capace di dargli una forte scossa, di rendergli migliore una brutta giornata o farlo piangere a calde lacrime, la mia scelta ricadrebbe su “Dynamite Steps”. Da ascoltare e senz’altro da amare.

Cover Album

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
Dynamite Steps
[ Sub Pop – 2011 ]
Similar Artist: Afghan Whigs
Rating:
1. Last Night In Town
2. Be Invited
3. Waves
4. Get Lucky
5. On The Corner
6. Gunshots
7. She Was Stolen
8. Blackbird & The Fox
9. Never See No Devil
10. The Beginning Of The End
11. Dynamite Steps

Ascolta “On The Corner”

Tracklist
 
 

Kevin Morby – Sundowner

Sempre piuttosto puntuale Kevin Morby realizza anche in questo triste 2020 un nuovo LP, il suo sesto solista, che arriva a distanza di ...

Anna von Hausswolff – All ...

Da tempo ormai la fatina svedese Anna von Hausswolff si è incamminata in un sentiero musicale ricco di incrinature, lontana da afflati pop ...

Jónsi – Shiver

C’era una discreta attesa per il nuovo lavoro da solista – a distanza di dieci anni dal suo esordio – di Jón Þor ...

Emmy The Great – April / ...

Era il febbraio 2016 quando Emmy The Great aveva pubblicato il suo terzo LP, “Second Love”: è passato ormai parecchio tempo, la Moss si ...

Working Men’s Club – ...

Abbiamo puntato le luci dei nostri riflettori sulla band di Sydney Minsky-Sargeant sin dai singoli d’esordio, quando la prima ...