banner

Kappah – Welcome Superstereo Stars

1 marzo 2011

TAGS: , ,

Dai tipi di ReddArmy, label che ha la mia stima più totale, viene licenziato in free-download il nuovo lavoro di Kappah. Il producer e beat-maker, ovviamente friulano, oltre a lavorare sull’imminente disco del gruppo madre Madrac ha trovato tempo per registrare il suo secondo album, dividendolo in due volumi di cui questo “Welcome Superstereo Stars” è il primo.

Con l’amico e compagno d’etichetta Railster, Kappah rappresenta il lato più elettronico della ReddArmy e dopo il buon esordio, in cui si giocava molto con le più svariate tentazioni elettroniche, confeziona un’opera decisamente più mirata e massiccia, nonostante la brevità.
L’introduzione è affidata alle voci di una vecchia pubblicità di 33 giri, ma il beat non tarda a fare la sua comparsa ed è un beat disturbato, quasi malato, futurista e perfetto per il flow di J.O. Rogers.
È proprio il già citato Railster a comparire nella successiva “Sunday Producers”, tripudio di beat cosmici, voci soul e tappeti di giocosi synth altalenanti.

“Sunshine” rallenta il ritmo e raffredda le sinapsi con il suo modern-soul, morbido, grasso ed impreziosito dal lavorio pregiatissimo di Kappah sui suoni; viene poi il trittico composto da “It Begins”, “Jump” e “Space Explorations”, spettacoloso viaggio elettronico che parte adeguatamente funk, morbido e accattivante, approfondisce virtuosismi tecnoidi e bassi abissali per esplodere infine serratissimo, implacabile eppure liberatorio.

Il tuffo nelle delicate e algide geometrie electro di “Welcome” in compagnia del collega MattiaC prelude alla meraviglia soul in cui proprio MattiaC (che spettacolo l’assolo di organo) e il resto dei Madrac danno il meglio per una raffinatissima conclusione affidata alla voce sensuale di Shiula.
Insomma la ReddArmy non si smentisce e sfodera l’ennesima perla dai suoi scrigni e mentre aspettiamo che si concluda l’attesa per l’imminente “L’esercito Del Sole” dei Madrac ci stupisce con questi venticinque minuti di ottima varietà black ed elettronica. Non bene: benissimo così.

The King Of Limbs
[ ReddArmy - 2011 ]
Similar Artist: Railster, Skream, Mount Kimbie, J Dilla, Antipop Consortium, Herbaliser
Rating:
1. Intro
2. Sunday Producers
3. Sunshine
4. It Begins
5. Jump!
6. Space Explorations
7. Welcome
8. I Am Love

Ascolta “Space Explorations”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…