JOAN AS POLICE WOMAN
Live @ Auditorium Parco Della Musica (Roma, 06/03/2011)

 
21 Marzo 2011
 

Joan As Police Woman è un’abitué dei palchi romani. Per quanto ne abbia memoria io, da minimo 4-5 anni la sua presenza è confermata almeno una volta l’anno, sempre con grande gratitudine e partecipazione del pubblico.
A questo giro la venue prescelta, l’Auditorium Parco della Musica, è esattamente la stessa dove la lasciammo l’ultima volta che venne, in occasione del tributo a Nico organizzato da John Cale ospitato nella capitale in occasione del MIT. A differenza di quella sera però, ad esibirsi in Sala Petrassi (la più piccola) saranno solo in tre. Un membro della formazione lo conoscete già e si presterà, oltre che alla voce, a chitarra e tastiera. Gli altri due, batterista e polistrumentista, fanno il resto. Dispiace per la mancanza di Timo Ellis, già accompagnatore della Wasser negli ultimi tour.

La data, a supporto del nuovo “The Deep Field”, verte principalmente sulle nuove tracce: “The Magic”, “The Action Man”, “Chemmie”, intramezzate da qualche classico della musicista americana, tra cui “Eternal Flame” e “Hard White Wall”. Nel suo completo in pelle rossa, Joan non si fa mancare niente: momenti rock si alternano a quelli più acustici, costringendo l’artista a un continuo via vai tra le varie postazioni del palco. Non manca l’interazione col pubblico, a cui rivela che non potrebbe mai vivere in Italia in considerazione del rischio di prender chili facilmente, o dell’amore che prova per il Colosseo e del non poter far a meno di vedere il cielo dalle sue arcate ogni volta che il tour la riporta nella capitale.

L’esecuzione sorprende per la vivacità e per la passione dimostrate dalla Wasser. La coda rock e i virtuosismi alla chitarra di “Nervous” o l’encore con un’inedita versione per piano e voce di “Human Condition” sono solo gli esempi più lampanti a cui si aggiungono l’interpretazione di un inedito, “Say Yes”, dalle calde venature rock, che lascia presagire futuri più che rosei, o le due lunghe “Forever And A Year” e “I Was Everyone”, brani agli antipodi per quanto riguarda tematiche e sonorità, ma accumunati da una medesima struttura che si protrae a lungo e che dal vivo non fa che migliorare. Giusto “Flash”, che personalmente non apprezzavo già dalla versione in studio non riesce a convincermi neanche dal vivo, confermandosi a pieni voti come il brano più inutile e palloso della carriera dell’artista americana.
Alla prossima data, presumibilmente nel 2012, per ammirare ancora una volta questa splendida quarantenne.

Link:

 

Working Men’s Club – ...

Chi scrive ha già avuto la fortuna di vedere un concerto dal vivo pochi giorni fa – quello dei Bud Spencer Blues Explosion all’Arena ...

Torneremo presto sotto un ...

Per cause di forze maggiore, quelle che tutti abbiamo ben presenti, la nostra rubrica dei “Live Report” è ferma. Ma è solo un ...

The Hold Steady + Martha – ...

Sono passati parecchi anni da “Teeth Dream”, l’ultimo album in ordine cronologico degli Hold Steady: lo scorso agosto, però, ci ha ...

Algiers – Live @ Monk (Roma, ...

Con una nuova raccolti di inediti da promuovereall’altezza della loro fama “underground”, gli Algiers si presentano in uno dei ...

Big Thief – Live @ Locomotiv ...

C’era trepidante attesa per questa data, la prima indoor in terra italica come ci tiene a sottolineare Adrianne Lenker, dei Big Thief ...