PAOLO BENVEGNU’
Hermann

 
 
di Max Sannella
21 marzo 2011
 

Dopo aver preso in prestito e restituito sotto forma di diamanti grezzi simmetrie e sogni, profondità e altezze, sospiri e lussurie spirituali, Paolo Benvegnù torna a condividere ‘la bellezza’, e sul lungo termine della sua poesia ha voluto cedere il passo alla necessità di tracciare una nuova direttrice che deve avere come punto focale l’evoluzione o il contrario dell’essere umano, dell’uomo come entità reale e tangibile. E nasce “Herman”, tredici visioni di pietra nei testi e cangevoli nelle intemperanze dei suoni, impianti descrittivi e letterature profonde che smaniano adattandosi- non poco facilmente – alle semplicità comuni.

Un disco/film che parla di scelte, valori, sentimenti e unicità, non più l’antropocentrico Io ma il suo inquilino Uomo che si muove racconta e parla del suo universo e delle mai sopite tenerezze e amori; un Benvegnù artista grande e ancor più maturo nei percorsi e nelle tatticità voluttuose di un songwriting in continua trasformazione, forse meno vicino alle precedenti produzioni discografiche ma più vivo ed elettrico – nelle accezioni di storyteller dirette – specie quando le enfasi imbarcano “le sfide” di tanti epigoni qui dentro rincorsi come Ulisse ed Andromeda, Jean-Paul Sartre, il Capitan Achab di Melville.

Come tra poesia e ‘cronaca’, senza ambizioni diminuite, l’artista brucia in un altoforno di idee, un’infinità di scossoni e soluzioni che già dal disegno di copertina, lasciano presagire il senso circolatorio delle visioni contenute, illuminazioni ed oscuramenti che affascinano a sazietà garantita.

Dunque grande rock cantautoriale fasciato a liriche immense, ondifrago nelle dolci collusioni di ritmo, elettrico ed archi “Love Is Talking”, “Il Mare è Bellissimo”, “Moses”, Andromeda Maria”, stupendo nell’epilettismo funky “Sartre Monstre”, decadente nell’elettricità made 80 “Good Morning, Mr. Monroe!”, rettile nelle acustiche “Il Pianeta Perfetto” , “Achab In New York” e atomico nei carotaggi d’anima “Date Fuoco”; di certo una svolta famelica in un album smaltato che continua a respirare l’arte dell’arte, la conturbanza di un autore affinato, indagatore e Icaro delle verità contrappuntate dell’inconsolabilità dell’esistenza, un artista che si butta a capofitto nell’armonia distruttiva della vita non comune, ed è forse questo il tocco esoterico della sua energia che gli permette di “fabbricare” diamanti descrivendo carbone.

Herman
[ La Pioggia – 2011 ]
Similar Artist: Lui Stesso
Rating:
1. Il Pianeta Perfetto
2. Moses
3. Love Is Talking
4. Avanzate, Ascoltate
5. Io Ho Visto
6. Andromeda Maria
7. Achab In New York
8. Sartre Monstre
9. Good Morning, Mr. Monroe!
10. Date Fuoco
11. Johnnie And Jane
12. Il Mare E’ Bellissimo
13. L’Invasore

Ascolta “Andromeda Maria” (radio edit)

Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…