CAGE THE ELEPHANT
Thank You Happy Birthday

[ Jive - 2011 ]
7
 
Genere: indie-rock
 
28 Marzo 2011
 

Bandite per una mezz’oretta circa della vostra esistenza le postcard del Kentucky dei chorus agresti di cicale, dei succosi watermelon freschi succhiati tra le melodie di Joan Osborne o le predicazioni muslim pacifiste di Muhammad Ali Cassius Clay nella pace ossequiosa del Midwest americano, la scrittura di questo secondo disco dei Cage The Elephant non chiede permesso, sbraita potere per sfogare e svalvolare il suo e istinto irsuto e lurido, dunque chi è propenso ad un’operazione nostalgia per la perdita di qui a poco della tranquillità, è pregato vivamente di darsi pace e ritornare in secondo tempo.

Il secondo lavoro del progetto caciarone guidato da Matt Shultz urla “Thank You Happy Birthday” e il festeggiato virtuale è un rock malsano e sfatto, teso e ansiogeno, pestato a morte con la muscolarità dei Pixies e profumatissimo dell’olezzo sludge dell’Iggy ossesso e sguaiato, ma c’è anche dell’altro; il valore artistico di queste muraglie ferrate di suoni rimane in principio completamente estraneo a sviluppi e contributi nuovi che possano giovare alla causa del rock ‘vene & tempie’, poi man mano che fluisce si scopre in dettagli ed angolazioni che potrebbero anche tracciare fini conversioni sulle rotte di una “Seattle riprogrammata”.

Ma per il momento sono pigmentazioni che già hanno fatto gran curriculum a Dei dell’arcadia mondiale, qui voliamo per il momento ancora basso, ed è meglio aspettare e attenersi a questi dodici ordigni a grappolo che cerimoniano stili inossidabili seriali, per esempio i cori ubriachi imbastiti come una rimpatriata alcolica di Slint, L7 e la Courtney strafatta “Around My Head”, la disperazione grunge “Aberdeen” (terra di Cobain), e una mitragliata d’urina punk- garage che torna ad evangelizzare i miasmi e i lividi della Detroit fetida e convulsa che parte dallo sputo screemo di “Always Something”, delira in “Sell Yourself” e va in overdose “Sabertooth Tiger”. C’è un piccolissimo “atollo di grazia” fatto di spennate acustiche a mò di walzerino “Rubber Ball” ma è solo una piuma sui cingolati di un panzer.

Vintage e improbabili spinte in avanti fanno del quintetto americano una teste d’ariete legnosa che per il frangente sfonda solamente porte e portoni aperti, ma chissà, nella lunga e winding road del rock , tutto fino adesso è stato possibile e la speranza – come si sa – è sempre l’ultima a morire, sempre che i Cage The Elephant non vadano in cortocircuito prima del tempo.

Photo Credit: Neil Krug

Tracklist
1. Always Something
2. Aberdeen
3. Indy Kidz
4. Shake Me Down
5. 2024
6. Sell Yourself
7. Rubber Ball
8. Right Before My Eyes
9. Around My Head
10. Sabertooth Tiger
11. Japanese Buffalo
12. Flow
 
 

Blind Golem – A Dream of ...

Se non fosse uscito all’alba del 2021 , sarebbe probabilmente finito nella personale ed annuale top 10 che ho l’onere, ma soprattutto ...

Ryley Walker & Kikagaku Moyo ...

Tre anni fa Ryley Walker ha tenuto a battesimo la sua piccola etichetta Husky Pants dedicata a pubblicare collaborazioni, split record, ...

Psychedelic Porn Crumpets – ...

E’ già da tempo che noi di Indie for Bunnies abbiamo messo gli occhi addosso a questa band australiana che ora arriva al quarto ...

Wild Pink – A Billion Little ...

Come forse ricorderete, la Tiny Engines non aveva pagato le royalties a numerosi dei suoi artisti, che le hanno poi fatto causa e ...

The Hold Steady – Open Door ...

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “Trashing Thru The Passion”, ma nel frattempo tante cose hanno cambiato il ...