banner

VERY SHORT SHORTS
Background Music For Bank Robberies

25 aprile 2011

TAGS: , ,

Se provate a cercare sul web i Very Short Shorts troverete gran foto di culi, ma difficilmente troverete notizie di questo originale trio italo-francese.

Nati a Berlino nel 2008, si sono fatti velocemente notare per la loro irruente ricetta che sa mischiare avanguardia, jazz e tentazioni più heavy (non a caso hanno esordito con un pezzo nell’ultima compilation della label californiana Broken Note Records, contenente, tra gli altri, Kyuss e At The Drive In): con la loro inedita formazione (batteria, pianoforte e violino) giungono ora all’esordio, distribuito in Italia tramite la giovane etichetta Bar La Muerte di Nicola Manzan (meglio noto come “Bologna Violenta”).

“Background Music For Bank Robberies” esplicita sin dall’iniziale “Suck It” le proprio influenze: un drumming sicuramente pesante e intrecci di chiara matrice jazz si rincorrono prima dell’eccezionale mix di suspence e maestria strumentale che risponde al titolo di “The Tennis Teacher” (una delle vette dell’album).
Una certa monotonia compositiva viene scongiurata tramite la grandi capacità tecniche dei tre musicisti: il violino di Stefano Roveda, sempre protagonista e mai banale, sa essere tzigano o livoroso, tagliente o virtuoso; il pianoforte di Stefan Manca invece si pregia di un suono corposo e sicuro, perfettamente equilibrato tra jazz e rimandi alle avanguardie novecentesche; ma non si può tralasciare il fondamentale supporto di Jeremy Thòma dietro a pelli e piatti, capace di ispirare fughe irresistibili e improvvisi rallentamenti, di evocare una primordiale rabbia punk e cullare l’ascoltatore con più raffinati tocchi avvolgenti.

Per concludere vi citerò qualche titolo, le tracce che più mi hanno colpito: il romanticismo morboso de “L’Età Del Bronzo”, il gusto quasi robotico di “Fuckin’ Machine”, l’urgenza espressiva di “Fist&Revenge” e “It’s Enough For R’n'R”, la malinconia di “J’Ai Perdu Berlin” e i toni dissacranti di “Horny Rabbits”. Ma non ingannatevi, questo è un disco che merita di essere ascoltato per intero, che sa coinvolgere e mostrare lati inediti, stupire e deliziare.

Background Music For Bank Robberies
[ Bar La Muerte - 2011 ]
Similar Artist: Pascal Comelade, Zeus!, King Crimson, L’Enfance Rouge, David Torn, Jaga Jazzist
Rating:
1. Suck It

2. The Tennis Teacher (Satan Where Are You?),
3. Briganti

4. John Thursday
5. Fists&Revange

6. Chinabox

7. Moustache

8. Jai Perdu Berlin

9. Horny Rabbits
10. My Best Friend Was A Serial Killer
11. L’Età Del Bronzo
12. Fuckin’ Machine

13. It’s Enough For R’N’R

14. Slap E Diem

15. Pit The King Of Porno

Ascolta “Briganti
”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…