ASOBI SEKSU
Fluorescence

 
 
9 Maggio 2011
 

Dopo il più pulitino ma non disprezzabile “Hush” gli Asobi Seksu provano con questo “Fluorescence” a rimettersi in gioco, alla ricerca di una identità che probabilmente era andata smarrita.

Su di loro incombe l’ombra dello scintillante “Citrus” (seconda prova in studio dei newyorkesi), uno dei migliori album in ambito dream/shoegaze degli anni 2000, che piacque al primo ascolto e ancora oggi non ha perso nulla del suo agrodolce fascino a base di rumore e sincero sentimentalismo. La scommessa è tutto sommato vinta. Gli Asobi forse non stupiscono più come una volta ma questo pugno di sogni storditi riesce ancora ad ammaliare e cullare, tra raffinati abbandoni melodici e fiumi in piena di distorsioni, sciami luminosi, schegge digitali e ritmi scoppiettanti, che mai affossano le preziose linee vocali della minuta ma indomita Yuki Chikudate. Si apprezza dunque la palese vitalità e la voglia di rinnovarsi degli Asobi, che ora sfoggiano un suono un po’ più caotico e spumeggiante del passato ma mai pienamente deragliante.

I contorti onirismi di “Coming Up”, le melodie celestiali di “Trails”, l’imprevedibile “Leave The Drummer Out There” (partenza schizofrenica a base di continui controtempi, languidissima parte centrale e inattesa coda galoppante che non c’entra niente col resto) e la romanticissima “Pink Light” sono tutti segnali più che positivi di una band che ha ritrovato se stessa.

Cover Album

  • Website
  • MySpace
  • BUY HERE
Fluorescence
[ Polyvinyl – 2011 ]
Similar Artist: My Bloody Valentine, Ride, Cocteau Twins
Rating:
1. Coming Up
2. Trails
3. My Baby
4. Perfectly Crystal
5. In My Head
6. Leave The Drummer Out There
7. Sighs
8. Deep Weird Sleep
9. Counterglow
10. Ocean
11. Trance Out
12. Pink Light

Ascolta alcue tracce da “Fluorescence”

Tracklist
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...